Mes, Conte è contrario ma resta aperto uno spiraglio. E si guarda a Parigi

Conte ribadisce il no al Mes. Ma se lo usasse la Francia…

Conte resta contrario al Mes ma lascia aperto uno spiraglio. Nel caso in cui la Francia dovesse accedere al credito Roma potrebbe decidere di seguire l’esempio.

Stando a quanto riferito da la Repubblica, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nel ribadire la sua posizione contraria al MES, avrebbe lasciato una porticina aperta, che sarebbe legata alla posizione della Francia. Se il governo francese dovesse accedere alla linea di credito allora l’Italia potrebbe prendere in considerazione l’idea di presentare la richiesta.

Emmanuel Macron e Giuseppe Conte
fonte foto https://twitter.com/Palazzo_Chigi

Conte, no al Mes. Ma resta aperto uno spiraglio

L’obiettivo di Conte resta quello di varare il Recovery Fund, e per questo motivo frena sul Mes. Non vuole complicare le trattative scoprendo il fianco ai falchi europei. L’Italia non è soddisfatta del piano di aiuti varato dall’Unione europea e chiede scelte coraggiosa e strumenti innovativi per uscire dalla crisi economica.

La posizione si traduce in un no al Mes, ma stando a quanto riferito da la Repubblica il premier sarebbe pronto a prendere in considerazione il Meccanismo nel caso in cui lo richiedesse anche la Francia, alleata dell’Italia nella partita europea.

Ovviamente se il premier dovesse ascoltare la corrente Dem della maggioranza aprendo al Mes dovrebbe affrontare la difficile prova del Parlamento, con il Movimento 5 Stelle che in diverse occasioni ha ribadito il suo no convinto.

Il rischio è quello di trasformare la votazione sul Mes in uno scontro aperto all’interno della maggioranza di governo, uscita provata dalle trattative sul dl Rilancio.

Giuseppe Conte
fonte foto https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/

Crimi, “Sul Mes devono decidere i parlamenti”

Intervenuto ai microfoni de il Fatto Quotidiano, il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi ha parlato del Mes: “Su un tema che può impegnare il Paese per i prossimi dieci anni devono decidere i parlamenti. Sul Mes non può esserci un vincolo di maggioranza”.

ultimo aggiornamento: 16-05-2020

X