Recovery fund, Conte all’Assemblea nazionale di Confcooperative: “Importante la svolta ideale da parte dell’Unione europea”.

In occasione del suo intervento a Confcooperative, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato del tema caldo di questi mesi, ossia del Recovery fund, strumento chiave per la ripresa economica dopo l’emergenza coronavirus.

L’Assemblea nazionale di Confcooperative si svolge il 6 ottobre presso l’Auditorium del Massimo, a Roma.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Recovery fund, Conte a Confcooperative: “Importante svolta ideale da parte dell’Unione europea”

La svolta è che l’Ue per la prima volta ha abbandonata una prospettiva di austerità, si è orientata verso un modello di sviluppo verde, sostenibile, digitale e ha consentito a Paesi come l’Italia di poter pianificare riforme strutturali. Ci sono risorse cospicue ma è ancora più importante la svolta ideale“, ha dichiarato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Recovery fund… a passo lento

Il Premier conferma quindi l’apprezzamento per il lavoro svolto dalla Commissione europea nonostante il processo per l’assegnazione dei fondi stia procedendo a rilento per le resistenze dei Paesi dell’Est Europa che fino alla scorsa settimana minacciavano di mettersi di traverso bloccando di fatto il piano di aiuti. Il tema è legato alle condizioni poste dall’Ue, che per il riconoscimento dei fondi chiede anche garanzie legate al buon governo.

Europa Unione europea
Europa Unione europea

L’impegno per la riduzione del costo del lavoro per le imprese al Sud

Conte ha poi parlato dell’impegno del governo verso il mondo del lavoro.

“C’è il massimo impegno del governo affinché la riduzione del costo del lavoro del 30 per cento per le imprese al Sud diventi strutturale. Noi combatteremo in Ue affinché quella misura sia decennale”.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia Giuseppe Conte politica recovery fund

ultimo aggiornamento: 06-10-2020


Via libera alla fusione Nexi-Sia: nasce il grande polo italiano dei pagamenti digitali

Stato di emergenza, manca numero legale: salta il voto delle risoluzioni su comunicazioni di Speranza