Panchina Real Madrid, il presidente Florentino Perez avrebbe contattato Antonio Conte per il post Lopetegui.

MADRID (SPAGNA) – Il Real Madrid pensa ad Antonio Conte per il post Lopetegui. Il tecnico dei Blancos non ha convinto in questo inizio di stagione e in caso di nuovi passi falsi potrebbe essere esonerato. La dirigenza madrilena è al lavoro per cercare il possibile sostituto e il numero uno sembra essere proprio l’allenatore leccese.

Il tecnico pugliese è ancora legato al Chelsea ma secondo le ultime indiscrezioni sarebbe pronto a svincolarsi dai Blues per accettare la proposta di Florentino Perez. I prossimi giorni potrebbero essere fondamentali con Lopetegui che deve assolutamente vincere per continuare la sua avventura sulla panchina degli spagnoli.

Julen Lopetegui
Julen Lopetegui, tecnico del Real Madrid (fonte foto https://www.facebook.com/julenlopeteguioficial/)

Panchina Real Madrid, per Lopetegui decisiva la sfida con il Barcellona?

Giorni, ore cruciali per Julen Lopetegui. L’ex commissario tecnico della Spagna non ha convinto la dirigenza del Real Madrid e secondo il Corriere dello Sport le prossime tre partite potrebbero essere decisive. Levante, Viktoria Plzen ma in particolare il Barcellona. Una sconfitta contro i blaugrana dovrebbe costare la panchina all’allenatore spagnolo visto che l’ombra di Antonio Conte è sempre più forte.

L’ex tecnico del Chelsea sarebbe stato contatto dalla dirigenza madrilena e avrebbe confermato la sua intenzione di accettare la proposta. Proprio per questo Antonio Conte è al lavoro per cercare di risolvere il contratto con i londinesi ed essere libero per firmare con la squadra madrilena. Giorni decisivi per il futuro della panchina del Real Madrid con l’ombra di Conte sempre più ingombrante su Lopetegui.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/antonioconteofficialpage/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
antonio conte calcio calcio news Julen Lopetegui Real Madrid

ultimo aggiornamento: 18-10-2018


Inter, senti Icardi: “Potevo andare via. Ecco perché sono rimasto”

Verso Inter-Milan: solo un dubbio per Gattuso