Il conflitto tra Russia ed Ucraina continua, e l’esercito russo non dà tregua agli ucraini: i bombardamenti continuano senza sosta.

La guerra tra Russia e Ucraina continua: tre persone sono morte e altre 15 sono rimaste ferite a causa del bombardamento su Dnipro. Le forze armate russe stanno intensificando i bombardamenti nei confronti delle città ucraine. Ad oggi siamo al 143esimo giorno di guerra. 

In Ucraina le sirene antiaereo risuonano giorno e notte nelle città bombardate, ed anche a Kiev, la capitale dello Stato. A parlare della situazione il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, durante il suo solito comizio notturno tenuto online su Telegram.  

Guerra Ucraina

“Gli occupanti si stanno rendendo conto che stiamo gradualmente diventando più forti e lo scopo del loro terrore è molto semplice: fare pressione su di noi, fare pressione sulla nostra società, intimidire le persone, causare il massimo danno alle città ucraine, almeno mentre i terroristi russi sono ancora in grado di farlo”, sono queste le parole del presidente dell’Ucraina. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il discorso notturno del presidente Zelensky

Durante il suo discorso video notturno alla nazione, il presidente Zelensky ha anche allertato gli ucraini a prestare attenzione alle sirene dei raid aerei e a cercare un riparo. Durante gli attacchi sferrati dalle forze armate russe, tre persone sono morte mentre altre 15 sono rimaste ferite, a causa di un attacco missilistico avvenuto nella notte sulla città di Dnipro, nei pressi del fiume. Tra le vittime, anche l’autista di un autobus che stava rientrando a casa dopo aver svolto il suo turno lavorativo. 

A rendere noto il bilancio di morti e feriti il capo dell’amministrazione regionale Valentin Reznichenko. Si contano almeno cinque i missili russi lanciati sulla città dell’Ucraina centrale. Durante gli attacchi, un civile ha perso la vita, mentre altri tre sono rimasti feriti a causa di un raid russo condotto sulla regione di Sumy, situata nell’Ucraina nord orientale. A rendere noto l’ultimo bilancio il governatore della regione di Sumy, Dmytro Zhyvytsky. Stando al governatore della regione, l’esercito russo ha preso di mira le zone residenziali della regione di Sumy. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 16-07-2022


Caso Mollicone, ecco la sentenza emanata dal giudice 

Mosca, la centrale nucleare di Zaporizhzhia come base missilistica