Cosa dice la Legge in materia di Pignoramento e di conversione dello stesso. Si riporta il testo e le relative modifiche dello stesso.

Il Codice di procedura civile

In Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana Data: 28 ottobre 1940, n. 253

Processo di esecuzione – Argomento Espropriazione forzata – Del pignoramento
All’Articolo 495 si parla appunto di Conversione del pignoramento, a seguire uno stralcio poi le modifiche del 1990 e altre successive:

Prima che sia disposta la vendita o l’assegnazione … il debitore può chiedere di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari, oltre alle spese di esecuzione, all’importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori intervenuti, comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese.

Quando si parla di conversione di un pignoramento la Legge al riguardo subisce delle modifiche esattamente nel 1990 si è passati dalla Legge precedente a questa che al presente articolo ha sostituito l’art. 71, L. 26.11.1990, n. 353. A seguire il testo previgente:

In qualsiasi momento anteriore alla vendita, il debitore può chiedere di sostituire alle cose pignorate una somma di denaro pari all’importo delle spese e dei crediti del creditore pignorante e dei creditori intervenuti.

Ulteriori modifiche sono state apportate nel 2005 attraverso la modifica operata con l’introduzione dell’art. 2, D.L. 14.03.2005, n. 35, come modificato alla L. 14.05.2005, n. 80.

Avvenne poi una sostituzione con l’art. 13, D.L. 27.06.2015, n. 83 con decorrenza dal 27.06.2015.

Pignoramento e Sostituzioni

Come visto in tema Legislativo tale argomento è stato trattato nel corso degli anni attraverso sostituzioni, modifiche e altro.

La riconversione è quindi stata trattata come tema rilevante soprattutto ai fini di poter fornire uno strumento ulteriore da esercitare nelle mani della figura debitoria che può in ogni momento chiederla qualora sussistessero le condizioni affinché tale richiesta sia accolta dall’istituto che ha concesso il prestito e/o anche per via giudiziaria. Per ulteriori approfondimenti rimandiamo alla Legge Vigente attualmente ancora valida in materia ricordando che il Disegno di Legge N°83 del 27/06/2015 dice:

Con l’ordinanza che ammette la sostituzione, il giudice dispone che le cose pignorate siano liberate dal pignoramento e che la somma versata vi sia sottoposta in loro vece. I beni immobili sono liberati dal pignoramento con il versamento dell’intera somma.

certificato_unicasim


Assegno divorzile, tutto ciò che occorre sapere

Prestito senza Busta Paga