Il difensore Toni Leistner aggredisce un tifoso sugli spalti al termine della partita di Coppa di Germania Dinamo Dresda-Amburgo. Poi le scuse sui social.

Coppa di Germania, follia al termine di Dinamo Dresda-Amburgo, con il difensore della squadra ospite Toni Leistner che ha aggredito un tifoso. Il calciatore, che si è scusato con un post condiviso sui social, rischia una lunga squalifica.

Toni Leistner aggredisce un tifoso sugli spalti al termine di Dinamo Dresda-Amburgo

Il fattaccio è avvenuto dopo il triplice fischio della partita Dinamo Dresda-Amburgo (4-1), quando il difensore dell’Amburgo Toni Leistner ha reagito agli insulti piovuti dagli spalti. E lo ha fatto in maniera decisamente plateale, scavalcando i cartelloni pubblicitari, arrivando in tribuna e aggredendo uno dei tifosi che lo stava insultando. Il difensore lo ha prima strattonato e preso per il collo. I due contendenti sono stati divisi dai tifosi e dagli steward.

Il tutto mentre lo stesso Leistner era proprio sotto la luce dei riflettori (nel vero senso della parola): il difensore infatti era infatti protagonista di un’intervista a bordo campo. Intervista che ha interrotto per andare a regolare i conti.

Le scuse sui social

Ho ricevuto alcuni insulti molto forti dalle tribune nella mia città natale dopo la partita di solito li gestisco, ma poi hanno esagerato attaccando la mia famiglia, mia moglie e mia figlia. In quel momento sono esploso, soprattutto perché questo era già una partita particolare per me. Reazioni del genere non dovrebbero accadere, sono un padre di famiglia. Mi scuso per il mio comportamento e posso solo promettere che indipendentemente dagli insulti che mi verranno fatti una cosa del genere non si ripeterà mai più“, ha scritto Leistner in un post condiviso sul proprio profilo Instagram.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
amburgo calcio calcio news coppa di germania sport Toni Leistner

ultimo aggiornamento: 15-09-2020


Psg-Marsiglia finisce in rissa, Neymar sferra un pugno a un avversario

Calciomercato, Milik sblocca il valzer delle prime punte