Dopo il lancio di un nuovo missile intercontinentale da parte della Corea del Nord, gli Stati Uniti lanciato un chiaro motivo attraverso l’ambasciatrice Haley. E Trump: “Kim cagnolino malato“.

NEW YORK (USA) – Si alza il livello dello scontro tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord dopo il lancio di un altro missile nella giornata di martedì scorso. Il regime di Pyongyang ha infatti testato un nuovo vettore, il missile balistico intercontinentale Hwasong-15, il quale ha raggiunto un’altitudine di circa 4.475 km (2.780 miglia) e ha volato per 950 km (600 miglia) durante i suoi 53 minuti di volo.

Le parole dell’ambasciatrice Haley

E così, poche ore fa, Nikki Haley, ambasciatrice degli Usa al Palazzo di Vetro, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza dell’Onu: “Se scoppierà la guerra il regime nordcoreano sarà completamente distrutto. Non abbiamo mai cercato e non cerchiamo la guerra con la Corea del Nord. Quest’ultima azione tuttavia avvicina il mondo alla guerra“. Poi, la Haley ha invitato caldamente tutti i Paesi membri a “tagliare tutti i rapporti con Pyongyang” e di “isolare il Paese dai rapporti diplomatici, limitando la cooperazione militare, scientifica e commerciale, oltre a fermare tutte le importazioni ed esportazioni e ad espellere i lavoratori nordcoreani. Alcuni Stati – ha affermato – continuano a finanziare il programma nucleare nordcoreano“.

Trump schernisce Kim

Nel frattempo, da parte del presidente americano Trump non arrivano segni di distensione nei confronti del leader della Corea del Nord: “Kim is a sick puppy“, ovvero un cagnolino malato, ha affermato il capo della Casa Bianca dal Missouri.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 30-11-2017


Morto Slobodan Praljak, si è suicidato dopo la condanna a 20 anni per i crimini di Mostar

Argentina, nessuna speranza per l’equipaggio del sottomarino scomparso