Il regime di Pyongyang continua nei suoi esperimenti missilistici: la Corea del Nord ha lanciato un nuovo missile nel Mar del Giappone. Tokyo in allerta, domani vertice Usa-Cina

MAR DEL GIAPPONE – La Corea del Nord non ferma le sue attività di test missilistici. Poche ore fa, infatti, alle 6.42 di Pyongyang, dalla base di Sinpo (nella provincia orientale di Hamgyeong) è stato lanciato un missile finito nelle acque del Mar del Giappone. A riferire l’accaduto è stato il Ministero della Difesa giapponese: il portavoce del Governo di Tokyo ha precisato che il missile ha percorso una distanza di circa 100 chilometri. Da Seoul, invece, le autorità della Corea del Sud parlano di una gittata non superiore ai 60 chilometri. Il centro militare statunitense del Pacifico ipotizza che si possa trattare del nuovo missile balistico a medio raggio KN-15, specificando che la durata del volo è stata di 9 minuti.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Protesta formale di Tokyo

Il Giappone ha presentato immediatamente una protesta formale, richiamando il fatto che si tratti di una palese violazioni delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu da parte della Corea del Nord. L’ultimo esperimento da parte del regime di Kim Jong-un risale al 22 marzo scorso con il lancio dalla base di Wonsan di un missile poi esploso dopo pochi secondi.

L’incontro Trump-Xi Jinping

L’ennesima provocazione della Corea del Nord giunge alla vigilia del vertice tra Stati Uniti e Cina in programma in Florida: Donald Trump e Xi Jinping affronteranno anche la questione riguardante il regime coreano e di possibili soluzioni per fermare le attività di sviluppo nucleare e balistico di Pyongyang. Pochi giorni fa, il capo della Casa Bianca aveva pungolato Pechino: “La Cina ha una grande influenza sulla Corea del Nord e dovrà decidere se aiutarci o meno con la Corea del Nord. Se lo faranno, sarà un bene per la Cina, e se non lo faranno non sarà un bene per nessuno“.

ultimo aggiornamento: 05-04-2017


Siria, raid aereo con uso di gas: 60 morti, tra cui molti bambini

Siria i raid non si fermano: sale a 72 il numero delle vittime dell’attacco a Khan Shaykhun