Manifestazione a Londra contro le misure per contenere il coronavirus. Scontri a Hyde Park con la polizia. Cinque arresti, otto agenti feriti.

LONDRA – Migliaia di manifestanti si sono riversati per le vie della capitale inglese nella giornata di sabato. I manifestanti si sono radunati nel primo pomeriggio e hanno marciato lungo diverse strade principali, compreso il quartiere dello shopping di Oxford Street.

Manifestazione antirestrizioni

La vasta manifestazione aveva l’obbiettivo di contestare le e restrizioni sanitarie imposte in Inghilterra contro il Covid-19, quali l’uso obbligatorio della mascherina e la possibile introduzione di ‘passaporti vaccinali’. Dotati di striscioni e pannelli con slogan come ‘Sei controllato’, “No mascherina, no vax, no confinamento’ o ‘Riprendiamoci la libertà’, i manifestanti della marcia ‘United for freedom’ hanno lasciato Hyde Park alle 13 ora locale.

Londra, scontri con la polizia

I video pubblicati sui social media hanno mostrato migliaia di persone che marciavano per le strade della capitale britannica. A un certo punto, alcune centinaia di manifestanti si sono riunite nuovamente, dando vita a piccole sacche di disordine, come ha dichiarato la polizia metropolitana di Londra. “Otto agenti sono rimasti feriti mentre cercavano di disperdere la folla a Hyde Park“, ha dichiarato il dipartimento di sicurezza, aggiungendo che i manifestanti hanno lanciato bottiglie e altri oggetti. Secondo la stessa fonte, “due agenti sono stati portati in ospedale ma non risultano feriti gravemente“. Cinque persone sono state arrestate per vari reati, inclusa aggressione a pubblico ufficiale.

La situazione nel Regno Unito

La manifestazione si è svolta nonostante da giorni le misure sono state allentate, in virtù degli eccellenti risultati determinati in buona parte dalla massiccia vaccinazione della popolazione britannica. La media dei contagi e dei decessi è in continua discesa.


Omicidio a Reggio Emilia, 58enne trovato senza vita in casa. Grave la moglie. Fermato il figlio

Riaperture, al ristorante fino alle 22.00: nessuna multa per chi torna a casa. Il Viminale smentisce