Coronavirus, l’andamento dell’epidemia dal 5 all’11 aprile. In calo sia i ricoveri che i pazienti in terapia intensiva.

ROMA – Coronavirus, l’andamento dell’epidemia dal 5 all’11 aprile. Per la quarta settimana consecutiva la curva conferma i segni di rallentamento in Italia. Sono ritornati a diminuire anche i pazienti in terapia intensiva e gli ingressi in rianimazione. Sembrano, invece, essere al plateau i morti e nella prossima settimana dovrebbero iniziare a diminuire.

Coronavirus, l’andamento dell’epidemia dal 5 all’11 aprile

Sono 101.627 nuovi casi nell’ultima settimana. Una diminuzione di oltre 30mila contagi rispetto alla settimana precedente. Tornano sotto i 2 milioni anche i tamponi, con il tasso di positività che scende al 5,5% (sette giorni fa era del 6,4%). In diminuzione anche quello ‘solo’ dei molecolari che dopo settimane torna sotto il 10% (9,4%).

Ritorna a diminuire anche la pressione sulle terapie intensive. Sono 118 i pazienti gravi in meno rispetto alla settimana scorsa. A questo dato bisogna aggiungere quello degli ingressi, che ha registrato un calo di quasi 150 unità in confronto a sette giorni fa. In netto calo i ricoveri ordinari. Nell’ultima settimana si sono liberati oltre 1.100 posti in ospedale. In calo, anche se leggermente, i morti. Il dato complessivo è di 3.224, ma a questo vanno aggiunti quella della Sicilia risalenti ai mesi scorsi. Quindi il numero si aggira intorno ai 3.097 di sette giorni fa.

Coronavirus
Coronavirus

L’Italia verso le riaperture?

Dati che, se confermati la prossima settimana, potrebbero portare l’Italia alle riaperture. Il Governo non ha sciolto i dubbi sulle date, ma il Cts è al lavoro per stilare e approvare i protocolli in vista di maggio.

Non è da escludere, però, il ritorno della zona gialla già dal 20 aprile. Molto dipenderà dal prossimo monitoraggio e all’andamento dei vaccini. Il quadro, comunque, sembra essere in netto miglioramento e, per questo, non si esclude un ritorno alla normalità in tempi brevi.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 11-04-2021


In 300 in strada per il video di un rapper: bottiglie, sassi e bastoni contro la polizia

Palestre, piscine e ristoranti, le ipotesi sulle riaperture