Coronavirus, arriva l'app per verificare contatti con i contagiati

Coronavirus, arriva l’app per verificare contatti con i contagiati

Coronavirus, la Cina lancia l’app che permette agli utenti di scoprire se hanno avuto contatti con le persone contagiate o con i casi sospetti.

La Cina lancia la nuova app che permette agli utenti di sapere se possono aver avuto contatti con le persone contagiate dal nuovo coronavirus (la mappa del contagio in tempo reale).

Coronavirus, la Cina lancia l’app per scoprire se si hanno avuto contatti con persone contagiate

Si tratta del Close Contact Detector, e per utilizzarlo basta registrare la propria carta di identità e fornire quindi le proprie generalità. Gli utenti, attraverso l’app, potranno sapere che nel corso delle ultime due settimane hanno avuto contatti con persone contagiate o con casi sospetti. Nel caso in cui i riscontri dovessero essere positivi, l’utente riceverà una notifica che lo inviterà a non uscire di casa e a rivolgersi alle autorità sanitarie.

Laboratorio Coronavirus

I dubbi sulla privacy degli utenti e dei cittadini

Ovviamente il lancio della nuova applicazione, che gode dell’appoggio e dei dati messi a disposizione dal Ministero dei Trasporti e dalle autorità sanitarie cinesi, solleva diversi dubbi su temi delicati come il rispetto della privacy.

La sensazione è che i cinesi abbiano accettato un passo indietro per quanto riguarda la libertà personale e si siano affidati alle autorità competenti nel tentativo e nella speranza di mettere la parola fine a un’emergenza sanitaria che sta mettendo in ginocchio il paese. Con gravi ripercussioni anche all’estero.

Coronavirus, difficile che l’app cinese possa arrivare anche in Italia

Sembra difficile se non addirittura impossibile che uno strumento del genere possa approdare anche in Italia. Nel nostro paese le autorità invitano alla prudenza ma dove si sta cercando in ogni modi di evitare allarmismi. Per questo motivo uno strumento di controllo così capillare e discutibile difficilmente potrebbe trovare il via libera del governo. E di buona parte della popolazione.

ultimo aggiornamento: 13-02-2020

X