Coronavirus, con un nuovo aumento dei casi il sistema ospedaliero avrebbe una tenuta di non oltre due mesi”. L’allarme dal segretario Anaao-Assomed.

Arriva dal segretario di Anaao-Assomed Carlo Palermo il nuovo allarme sulla tenuta del sistema ospedaliero, messo sotto pressione dall’emergenza coronavirus.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus, “Con un nuovo aumento dei casi in sistema ospedaliero avrebbe una tenuta di non oltre due mesi”. L’allarme del segretario di Anaao-Assomed

Al momento, evidenzia Palermo, la situazione non è allarmante. È seria ma non critica: “Gli ospedali italiani potranno reggere almeno per 5 mesi ed al momento la situazione è gestibile”. Nonostante la situazione sia largamente sotto controllo, già ad oggi si registrano le prime criticità soprattutto a livello locale.

La situazione cambierebbe – ovviamente in peggio – nel caso in cui si dovesse registrare un significativo aumento dei casi di coronavirus.

“Se dovessimo assistere ad un aumento esponenziale dei casi come sta accadendo in altri Paesi come la Francia allora il sistema ospedaliero avrebbe una tenuta di non oltre 2 mesi”, evidenzia Palermo come riportato dall’Ansa.

Con un aumento esponenziale dei casi “si rischia il crollo della prima trincea ospedaliera anti-Covid, perchè gli ospedali non sono pronti a far fronte ad un’epidemia esponenziale“.

Terapia intensiva coronavirus

Fondazione Gimbe, aumentano i pazienti ricoverati in terapia intensiva

La Fondazione Gimbe evidenzia inoltre una nuova impennata dei casi di coronavirus, aumentati del 42,4%.In crescita anche i pazienti ricoverati con sintomi e quelli ricoverati in terapia intensiva. La situazione è a rischio in sette Regioni, nelle quali la media nazionale degli ospedalizzati è superiore alla media nazionale.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca primo piano Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 13-10-2020


Coronavirus, come comportarsi in casa: le regole per le feste private

Malattia inspiegabile in un volontario, Johnson and Johnson ferma studi sul vaccino