Il numero uno dell’Iss Silvio Brusaferro ha parlato in conferenza stampa dell’emergenza coronavirus e dell’andamento della situazione epidemiologica.

In occasione della consueta conferenza stampa settimanale, il numero uno dell’Iss Silvio Brusaferro e il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, hanno fatto il punto sull’emergenza coronavirus in Italia.

Di seguito il video della conferenza stampa.

Brusaferro (Iss), “Si riducono i sintomatici”

La curva mostra che i sintomatici si riducono, ma ci sono casi diagnosticati, in riduzione, che indicano un aumento dei tamponi. Si sta riducendo la quota di pazienti critici anche nelle aree ad alta circolazione, dove la terapia intensiva non è totalmente saturata.

La letalità è un tema che stiamo approfondendo per poter fare una stima in senso più ampio. Al momento censiamo le persone decedute con tampone positivo. Il dato mostra una costante del fatto che l’età elevata rappresenta una fascia a maggior rischio. Avere più patologie resta un fattore importante rispetto alla mortalità. Le donne muoiono meno rispetto ai maschi. La sintomatologia mostra conferme. La maggioranza riporta polmonite, altri casi problemi renali, in minor parte problemi miocardici“.

Silvio Busaferro
Fonte foto: Fonte foto: https://www.facebook.com/MinisteroSalute

Come evolve l’epidemia

Brusaferro, illustrando l’andamento dell’epidemia, ha confermato una circolazione del coronavirus nel Paese e per questo motivo è tornato a sottolineare come in vista della fase 2 ci si debba muovere con la massima cautela.

L’evoluzione anche nelle zone a bassa circolazione ci sono dei focolaio. Il tipo di intensità si è ridotta, rimane comunque una circolazione. Per questo si esprime sempre la cautela. La situazione epidemiologica è migliorata ma c’è una circolazione di cui dobbiamo tener conto”.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 24-04-2020


L’accusa: ‘Lo Stato chiede ai bergamaschi il costo della cremazione delle loro vittime’

Coronavirus, Milano programma la ‘fase 2’. In Veneto eliminate le restrizioni