Coronavirus, la Ferrari struttura la sua Fase 2 per la riapertura degli stabilimenti di Modena e Maranello.

La Ferrari prepara la sua fase due con il piano Back on Track, Torna in Pista. Il progetto dovrebbe consentire alla casa del Cavallino di riaprire i battenti con la massima sicurezza.

Coronavirus
fonte foto https://twitter.com/

Coronavirus, la Fase due della Ferrari

Il piano della Ferrari è strutturato in tre fasi, al termine delle quali si dovrebbe tornare a produrre a pieno regime senza rischi per i dipendenti.

La prima parte prevede la riapertura degli stabilimenti di Modena e Maranello secondo le tempistiche previste e disposte dal governo.

La seconda fase è quella del controllo. Si procederà con uno screening dei dipendenti che, volontariamente, si dovrebbero sottoporre ad analisi del sangue. I dipendenti saranno poi dotati di un’applicazione per il tracciamento dei contatti e il supporto medico.

Tale screening porterà a definire un primo quadro dello stato sanitario della popolazione aziendale analizzata. Si prevede poi l’allargamento del servizio alla Comunità Ferrari, ovvero ai familiari conviventi dei collaboratori, qualora interessati, e al personale dei fornitori presente in Azienda.

Nell’ultima fase si offre l’opportunità a ciascun collaboratore di servirsi di una App, per avere un supporto medico sanitario nel monitoraggio della sintomatologia del virus.

Il mantenimento dello stato di salute della popolazione che aderisce al progetto sarà supportato dal tracciamento dei contatti delle singole utenze grazie alla medesima App, nel rispetto della privacy individuale grazie a una sua gestione esterna ed estranea a Ferrari. Pertanto, in caso di positività al Covid-19 di un utente, i suoi contatti potranno essere ricostruiti dalla App. Il progetto potrà essere uniformato secondo gli eventuali standard che saranno definiti dalle Autorità competenti“, recita la nota della Ferrari.

Ferrari
fonte foto https://www.facebook.com/Ferrari/

La raccolta Fondi della Ferrari

In piena emergenza coronavirus, la Ferrari ha lanciato una raccolta fondi. i proventi sono destinati al sistema sanitario della Provincia di Modena. Partecipano alla raccolta i clienti e la stessa casa automobilistica.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Igienizzazione auto: come sanificare gli interni della vettura

F1, Jean Todt: ‘Quando si parla di calendari si pongono due problemi…’