Lo studio della Chongqing Medical University: ‘Tutti i uriti dal coronavirus sviluppano anticorpi’.

Tutti guariti dal coronavirus sviluppano gli anticorpi. Questa almeno è la conclusione di uno studio cinese pubblicato da Nature Medicine.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Coronavirus, ‘Tutti i guariti sviluppano anticorpi’

Lo studio della Chongqing Medical University evidenzia come ‘a 19 giorni dai sintomi il 100 per cento dei pazienti esaminati avevano sviluppato le IgG contro Sars-CoV-2‘. Parliamo di un campione di 285 pazienti. Si tratta di un campione significativo nonostante il numero dei casi del mondo. Lo studio assume un valore particolare in quanto individua quelli che sono gli anticorpi in grado di garantire una copertura lunga, consistente. Si tratta degli anticorpi IgG, prodotti durante la prima infezione o all’esposizione di antigeni estranei.

Virus Cina
Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/

I test sierologici

La ricerca torna a dare valore ai test sierologici, ma il dato fondamentale in tal senso resta il tasso di anticorpi. Un soggetto, per evitare di essere nuovamente contagiato dal coronavirus, deve avere un significativo numero di anticorpi nel proprio organismo. La sola presenza di anticorpi, quindi, non rappresenta una garanzia contro una seconda infezione.

Coronavirus

L’ottimismo di Burioni

I risultati dello studio sono stati rilanciati da Roberto Burioni, che su Twitter ha voluto condividere e commentare i risultati dello studio.

Seppure in quantità variabili i pazienti guariti da Covid-19 producono anticorpi contro il virus. Questo è bene perché rende affidabile la diagnosi sierologica e, se gli anticorpi fossero proteggenti, promette bene per l’immunità“, ha scritto Burioni.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 30-04-2020


Coronavirus, Brusaferro (ISS): “Indice di contagio sotto l’1 in tutte le Regioni”

Commercianti, ristoratori e parrucchieri in piazza da Nord a Sud. Consegnate le chiavi delle attività ai sindaci: ‘Così non si riparte’