Coronavirus, l’andamento dell’epidemia dall’8 al 14 febbraio. Ritorna a diminuire il tasso di positività settimanale.

ROMA – Coronavirus, l’andamento dell’epidemia dall’8 al 14 febbraio. Dopo due settimane stabile, è ritornato a diminuire il tasso di positività settimanale (anche quello considerando solo i tamponi molecolari). Non si ferma il calo della pressione sui servizi sanitari.

Da registrare che in questa settimana c’è stato un leggero rallentamento dello svuotamento delle terapie intensive. Dato che potrebbe essere influenzato da una frenata dei decessi (oltre 400 unità in meno rispetto alla prima settimana di febbraio). Numeri che, in generale, continuano ad essere stabili nel nostro Paese nonostante la presenza delle varianti.

Coronavirus, l’andamento dell’epidemia dall’8 al 14 febbraio

Sono 85.210 i nuovi positivi in Italia nella settimana dall’8 al 14 febbraio, a fronte di 1.823.675. Un leggero incremento di casi rispetto a sette giorni fa per un numero maggiore di test. Questo ha portato il tasso di positività a scendere leggermente al 4,6% (il 7 febbraio era dell’4,9%). In leggerissimo calo anche quello dei tamponi molecolari (8,8% rispetto all’8,9% di sette giorni prima).

L’altro dato dato in netto calo sono i decessi. Negli ultimi sette giorni i morti sono stati 2.304, oltre quattrocento unità in meno rispetto alla settimana precedente. Questo dato ha portato ad un leggero rallentamento dello svuotamento delle terapie intensive (22 unità in meno). Resta più o meno costante il calo dei ricoveri ordinari (-817 rispetto ai -830 di settimana scorsa) e degli ingressi in rianimazione (988 rispetto i 964 di sette giorni fa).

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Coronavirus
Coronavirus

Il pericolo varianti

Una situazione che sembra essere, nonostante un leggero aumento dell’indice Rt (che fa riferimento ad un periodo precedente n.d.r.), stabile in Italia. Il pericolo maggiore è rappresentato dalle varianti e si teme un possibile incremento nelle prossime settimane. Il quadro continua ad essere monitorato costantemente e i numeri degli ultimi 15 giorni di febbraio saranno decisivi per una possibile ripartenza.


Aggredito in casa lo scrittore Mark Halter

Nessuna riapertura degli impianti sciistici, stop prorogato al 5 marzo