Coronavirus in Italia, zona rossa a Palmi, Calabria. Otto casi di contagio, intercettato un focolaio.

Emergenza coronavirus, zona rossa in alcuni quartieri di Palmi, in Calabria. La decisione è stata comunicata dalla Regione per un nuovo focolaio. I casi registrati nel momento in cui è stata definita la zona rossa sono otto. Tutti i casi sono riconducibili allo stesso focolaio.

Ambulanza
Ambulanza

Coronavirus, zona rossa a Palmi, Calabria

Jole Santelli, presidente della Regione Calabria, ha firmato un’ordinanza disponendo una zona rossa in alcuni quartieri di Palmi. Il provvedimento è valido a partire dalla giornata del 22 giugno fino alle ore 14 del 26 dello stesso mese ed è valida “nel territorio del Comune di Palmi (Reggio Calabria) e precisamente nei quartieri dell’area costiera Pietrenere-Tonnara-Scinà, è disposto il divieto di allontanamento da parte di tutte le persone residenti, e il divieto di accesso“.

Con la zona rossa si dispone il divieto di spostamento per le persone residenti. Inoltre nella zona delimitata non potranno entrare persone esterne, provenienti quindi da zone esterne al perimetro. All’interno della zona rossa sarà possibile circolare ma con limitazioni. In altre parole sarà possibile spostarsi solo per motivi di comprovata necessità.

Inoltre nella zona in questione si procede con un’intensificazione dell’azione di monitoraggio nel tentativo di intercettare nuovi casi positivi e interrompere così la catena di contagi.

Come evidenziato dagli esperti, i contagi di ritorno, se non controllati e soffocati con tempestività, potrebbero rappresentare una minaccia per la rapidità di diffusione sul territorio.

Nuovo focolaio intercettato e delimitato con zona rossa

I soggetti positivi al coronavirus rintracciati fino al momento in cui è stata diramata l’ordinanza sono otto. Si tratta, come specificato, di residenti “nei quartieri, tra loro adiacenti, Pietrenere-Tonnara-Scinà“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calabria coronavirus cronaca evidenza Palmi

ultimo aggiornamento: 22-06-2020


‘Alex Zanardi non aveva il telefono in mano al momento dell’incidente’

Coronavirus, Crisanti ammette: “Se all’ospedale di Schiavonia avessimo fatto come ad Alzano, sarebbe stata una strage”