In Israele riaprono negozi, biblioteche e musei. Primo allentamento delle restrizioni dopo il successo della campagna vaccinale.

GERUSALEMME – In Israele la campagna vaccinale continua a passi da gigante. Tant’è che si è deciso un primo allentamento alle misure restrittive. Possono riaprire negozi, biblioteche e musei, anche se restano obbligatorie le misure legate a distanza sociale e uso delle mascherine.

Campagna vaccini record

Israele ha infatti il più alto tasso di vaccinazioni al mondo, dato che oltre il 49% della popolazione ha infatti ricevuto almeno una dose. Il Paese mediorientale conta una popolazione di quasi 9 milioni di abitanti e è stato tra i più colpiti, in valori assoluti, dalla pandemia: 745 mila contagi ma “solo” 5.526 decessi e 6.894 mila guarigioni. Per fare un raffronto, l’Italia ha circa 1.600 morti per milione di abitanti mentre Israele circa 600.

https://www.youtube.com/watch?v=FWerMxmIa3o&ab_channel=Fanpage.it

I dati di Israele

L’immunizzazione con due dosi di vaccino Pfizer/BioNTech garantisce un’efficacia contro il Covid del 95,8%. E’ quanto stabiliscono i dati del ministero della Sanità israeliana, secondo i quali i vaccini, inoltre, “riducono drasticamente la possibilità di complicazioni e di morte“. Secondo i dati, infatti, il vaccino è efficace al 99,2% contro le complicazioni e al 98,9% contro la possibilità di ricovero e di decesso, secondo quanto riporta Times of Israele.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Donna si lancia dal ponte con il figlio di un anno e mezzo. Lei è morta, lui è gravissimo

Il virus in Italia: il 21 febbraio 2020 iniziava l’incubo del Covid. I titoli dei giornali dello scorso anno