Lo Spallanzani isola il coronavirus nelle lacrime dei pazienti positivi. Gli effetti della ricerca sulla lotta al Covid-19.

La nuova svolta nella ricerca sul coronavirus arriva dallo Spallanzani, che ha isolato il Covid-19 nelle secrezioni oculari di pazienti positivi. Nelle lacrime, potremmo dire in maniera decisamente meno tecnica ma non errata.

I risultati della ricerca, comunicati all’Organizzazione Mondiale della Sanità, regalano al mondo della scienza una serie di informazioni importantissime e da tenere in considerazione.

Ospedale Spallanzani Roma
Fonte foto: https://www.facebook.com/profile.php?id=100017696343343

Spallanzani, coronavirus isolato nelle lacrime

La ricerca condotta dallo Spallanzani di Roma è stata pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine.

L’indagine è partita da un tampone oculare su una paziente positiva al coronavirus. La paziente presentava una congiuntivite bilaterale. Dalle secrezioni oculari i ricercatori sono riusciti ad isolare il nuovo coronavirus, che sarebbe quindi in grado di replicarsi anche nelle congiuntive.

Coronavirus

I risultati della ricerca

Il risultato della ricerca è stato comunicato anche all’Organizzazione Mondiale della Sanità e rappresenta una nuova svolta nella lotta al coronavirus.

Lo studio infatti dimostra che gli occhi sono un potenziale canale di contagio e non solo una possibile via d’accesso per il coronavirus.

Inoltre il tampone oculare potrebbe dare esito positivo anche quando nel paziente sono svaniti i sintomi classici del contagio da coronavirus. Ma c’è di più. Anche quando il tampone classico ha dato esito negativo, quello oculare ha dato esito positivo. Resta da capire quindi in quanto tempo avviene la negativizzazione e soprattutto per quanto tempo resta attivo al punto da poter essere considerato contagioso.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 22-04-2020


Boss mafiosi scarcerati per il coronavirus, Salvini: “Vergogna nazionale”. Il Dap smentisce

Fase 2, vertice tra Conte, ministri ed esperti: il punto sulle riaperture