Coronavirus, neonata ha gli anticorpi. E’ il primo caso individuato dagli scienziati.

ROMA – Neonata con gli anticorpi contro il coronavirus. La scoperta è stata fatta dai ricercatori della Florida Atlantic University in uno studio che nelle prossime settimane sarà sottoposto a peer review.

Gli approfondimenti hanno evidenziato la presenza nel sangue del cordone ombelicale di anticorpi derivanti dalla somministrazione alla madre del vaccino moderna. Gli anticorpi, precisa l’Adnkronos, sono stati rilevati sia al momento del parto che subito dopo la nascita.

“La vaccinazione materna è stata ben studiata”

Uno studio sulla vaccinazione materna che ormai dura da tanto tempo e che presto potrebbe portare importanti novità- “Una protezione neonatale – hanno confermato i ricercatori – è attesa dopo la somministrazione della dose del Covid-19. Vi è una significativa e urgente necessità di ricerca per quanto riguarda la sicurezza e l’efficacia delle vaccinazioni […]“.

I nuovi vaccini a mRna teoricamente dimostreranno una sicurezza simile in questa popolazione – hanno aggiunto gli studiosi – l’infezione naturale, tuttavia, sembra conferire un passaggio di anticorpi inferiore rispetto al previsto, e questo significa che i piccoli potrebbero rimanere a rischio di infezione. Noi abbiamo dimostrato che gli anticorpi sono rilevabili nel campione di sangue del corone ombelicale di un neonato dopo solo una singola dose. Pertanto, esiste un potenziale di prevenzione e riduzione del rischio di infezione con la vaccinazione materna”.

Laboratorio coronavirus
Laboratorio coronavirus

Studi in corso

Gli studi proseguiranno nelle prossime settimane per accertare meglio quanto scoperto dall’università della Florida. In particolare, da capire la protezione dei bambini nati da una mamma vaccinata.

La ricerca americana sembra aver confermato la presenza di anticorpi, ma con una protezione inferiore rispetto a quanto ipotizzato. Una scoperta che, se confermata, aumenta il rischio di una possibile infezione in futuro per il piccolo. Approfondimenti che potrebbero portare nei prossimi mesi ad un vaccino dedicato alle donne incinta.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 20-03-2021


Vaccino Sputnik, allo Spallanzani la sperimentazione sulle varianti

Eruzione vulcanica vicino a Reykjavik