Coronavirus, Esselunga semplifica la procedura per la spesa online. Le novità introdotte per fronteggiare l’emergenza.

In piena emergenza coronavirus, i supermercati si sono mobilitati rinforzando – o in alcuni casi inaugurando – il sistema per la spesa online. Uno strumento fondamentale per e persone impossibilitate ad uscire di casa per motivi di salute, ad esempio. Ma soprattutto nelle prime settimane il sistema ha presentato falle e problematiche che hanno frenato l’iniziativa.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

Esselunga, il nuovo sistema per la spesa online

La nota catena di supermercati, all’avanguardia nel settore della spesa on-line, ha dovuto fronteggiare l’aumento improvviso delle richieste e la chiusura di un magazzino web di Milano che svolge un ruolo cruciale nello scacchiere di Esselunga.

Per fronteggiare questi problemi di tipo logistico e rafforzare il servizio anche per ridurre le liste di attesa, Esselunga dispone la consegna durante tutta la durata della giornata. Ogni utente inoltre potrà prenotare un solo slot a settimana, ossia uno nell’arco di sette giorni. Non è tutto. Il quaranta per cento degli spazi di consegna disponibili sono riservati agli utenti di età superiore ai settantacinque anni e alle persone con disabilità.

Esselunga
fonte foto https://www.facebook.com/Esselunga/

Le novità per i punti vendita

Ma ci sono anche due novità che interessano i punti vendita. Dovrebbe essere lanciata la nuova applicazione (UFirst) che consentirà agli utenti di prenotare l’ingresso nel supermercato. Questo, con un sistema di notifiche tramite SMS o la stessa applicazione, servirà ad evitare code e assembramenti all’esterno dei supermercati.

Inoltre in 18 negozi è iniziata la fase di test del servizio Prenota e Ritira. I clienti che devono acquistare prodotti essenziali potranno ordinarla e poi ritirarla in negozio su appuntamento.

Tutti i provvedimenti sono elencati nella lettera di Esselunga ai clienti.


Bonomi nuovo leader di Confindustria, “Non è il momento di gioire”

Stati Uniti, aumentano le richieste di sussidi di disoccupazione