Coronavirus, lo studio cinese sui ristoranti: la distanza di due mesi potrebbe non bastare.

ROMA – Due metri di distanza all’interno dei ristoranti potrebbe bastare per evitare i contagi, a dirlo è uno studio cinese. In particolare i ricercatori orientali si sono soffermati su un’analisi che mostra in che modo il coronavirus avrebbe infettato alcuni clienti di un ristorante a partire da una sola persona asintomatica.

Lo studio sarà pubblicato a luglio su una rivista americana ma il Corriere della Sera l’ha anticipato.

Lo studio cinese

Lo studio cinese precisa come la distanza di due metri potrebbe non bastare per la presenza dell’aria condizionata. Nella ricerca, infatti, si precisa come ad essere contagiate dalla persona asintomatica sono stati tutti i clienti che erano seduti allo stesso tavolo o in uno dei due tavoli vicini alla linea del condizionatore in un locale senza finestre.

Gli altri 73 ospiti non hanno avuto sintomi e neanche i camerieri che sono entrati in contatto con i commensali. Il virus è stato contratto perché lo split dell’area condizionata soffiava verso sud e con il rimbalzo contro il muro è tornato verso il tavolo che si trovava proprio sopra l’impianto. Si tratta del classico aerosol.

La spiegazione dei ricercatori

La ricerca è stata pubblicata anche dal New York Times che ha spiegato come “i sistemi di ventilazione possono creare degli schemi complessi di flusso d’aria e mantenere le particelle di aerosol virali sospese più a lungo, quindi la distanza minima potrebbe non essere sufficiente“.

Gli studiosi cinesi consigliano tutti i ristoratori di “rafforzare la sorveglianza del monitoraggio della temperatura, aumentare la distanza tra i tavoli e migliorare la ventilazione“. E’ una ricerca che nelle prossime ore sarà analizzata nei dettagli anche dall’Istituto Superiore di Sanità. In Italia l’intenzione è quello di riaprire ristoranti e pizzerie con la distanza di due metri tra i tavoli.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Corteo non autorizzato a Torino, i manifestanti alla polizia: “Avete diffuso voi il virus”

Strage Ustica, lo Stato dovrà risarcire la compagnia aerea Itavia