Uno studio sulla ‘fase 2’ rivela come la maggior parte dei lavoratori che ritorneranno in azienda sono uomini.

ROMA – Uno studio sulla ‘fase 2’ rilancia l’allarme sul tasso di occupazione femminile. Secondo questa ricerca condotta dagli economisti Alessandra Casarico e Salvatore Lattanzio, dal 4 maggio al lavoro rientreranno oltre 4 milioni di persone e di queste 2,7 milioni sono uomini.

Nessuna differenza sessista ma semplicemente conseguenza delle attività che riprenderanno a riavviare i motori. “Questo massiccio rientro al lavoro degli uomini – si legge nello studio – finirà per caricare di ulteriori compiti di cura le donne all’interno delle famiglie, rischiando ancora di più di ridurre la loro offerta di lavoro“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il tasso di occupazione femminile

Il tasso di occupazione femminile è sempre stato sotto il 50%. Un numero che ha piazzato l’Italia come fanalino di coda in questa speciale classifica e con un gap tra uomini e donne di 18 punti.

Nel nostro Paese – scrivono alcune scienziate – le donne rappresentano il 56% dei medici iscritti all’albo e sono quasi il doppio degli uomini tra i medici con meno di 40 anni. Il 77% degli infermieri è donna“. Numeri che confermano un grado di istruzione maggiore da parte del sesso femminile con la presenza fissa in molte professioni qualificate.

Lavoro
Fonte foto copertina: pixabay.com/it/computer-pc-sul-posto-di-lavoro-1185626/

Alto il rischio di aumentare il gap

L’emergenza coronavirus, però, potrebbe complicare la posizione lavorativa delle donne. La riapertura a scaglioni del Governo ha favorito (involontariamente) gli uomini con una percentuale che potrebbe invertirsi nelle prossime settimane.

Numeri che rischiano di ampliare il gap nei prossimi mesi tra i due sessi. Per questo il Governo presto potrebbe attuare una nuova politica per attuare il reinserimento al lavoro di tutte le persone che in questo periodo sono state a casa per la pandemia e tra loro ci sono molte donne.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina pixabay.com/it/computer-pc-sul-posto-di-lavoro-1185626/

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 01-05-2020


Landini, ‘Si lavora solo se ci sono le condizioni di sicurezza’

Cassa integrazione nel caos, in Lombardia pagate solo 40 aziende