Variante ‘newyorkese’ individuata nelle Marche. Si tratta di primi casi in Italia.

ROMA – La variante newyorkese è stata individuata nelle Marche. Si tratta dei primi due casi in Italia. La scoperta è avvenuta nell’ambito della sorveglianza epidemiologica molecolare. La mutazione era già stata scoperta nei giorni scorsi negli Stati Uniti e, al momento, a New York rappresenta solamente il 12% dei casi.

Saltamartini: “La situazione è sotto controllo”

La situazione nelle Marche, al momento, continua ad essere sotto controllo. “Stiamo approfondendo i rischi di questa variante – ha ammesso l’assessore Filippo Saltamartini, ai microfoni dell’Adnkronossono scattate tutte le procedure previste per contrastarne la diffusione […]. Al momento non ci sono evidenze scientifiche sull’eventuale capacità di questa variante di eludere la risposta neutralizzante suscitata dagli attuali vaccini […]“.

Nella nostra regione – ha aggiunto – la variante inglese continua ad essere predominante […]. I provvedimenti restrittivi si stanno piano piano concretizzando anche se la pressione sui servizi sanitari continua ad essere elevata. Restiamo comunque ottimisti anche perché stiamo procedendo a grande velocità con le vaccinazioni […]. Tra qualche settimana penso che arriveremo all’immunità delle persone fragili“.

Coronavirus
Coronavirus

Scoperta una nuova variante in India

Le varianti continuano ad originarsi e l’ultima è stata scoperta in India. Secondo quanto riportato dal The Guardian, si tratta di una doppia mutazione diversa dalle altre e si teme la sua contagiosità. La situazione resta in aggiornamento e non è chiaro se l’efficacia dei vaccini resta uguale oppure inferiore.

Nelle prossime settimane continueranno tutti gli approfondimenti per capire meglio gli effetti di questa variante sui vaccini e sulla diffusione del Covid-19. Il quadro, al momento, non sembra essere allarmante e la sorveglianza continuerà per avere maggiori informazioni. Una situazione destinata ad essere ritrovata anche in futuro e per questo serve accelerare con la campagna di vaccinazione e mettersi il prima possibile alle spalle questo periodo molto complicato.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 24-03-2021


Coronavirus, un enzima può bloccarne la diffusione

Venezia compie 1.600 anni, il programma delle celebrazioni