Emergenza coronavirus, ultimo vertice a Palazzo Chigi prima dell’approvazione del testo definitivo del nuovo dpcm.

L’allarme degli esperti trova conferme nei dati degli ultimi giorni: la diffusione delle varianti del Covid sta facendo crescere la curva dei contagi, e per fare il punto della situazione prima della firma sul testo definitivo del nuovo dpcm il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha convocato un vertice a Palazzo Chigi.

Verso il nuovo dpcm, vertice a Palazzo Chigi: preoccupa la diffusione delle varianti

Al vertice, stando a quanto appreso e riferito da la Repubblica, hanno preso parte il ministro Speranza, la ministra Gelmini, il ministro Franco, il ministro dell’istruzione Bianchi, Giorgetti, Franceschini, Patuanelli e Bonetti. Inoltre hanno partecipato alla riunione anche il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità. Presente anche Miozzo, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico.

Nel corso della riunione i tecnici avrebbero espresso la propria preoccupazione per la diffusione delle varianti e per la ripresa dei contagi.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Il nuovo dpcm e il nodo della scuola

Nella giornata del 2 marzo il governo dovrebbe approvare il testo definitivo del nuovo dpcm che entrerà in vigore dal 6 marzo fino al prossimo 6 aprile.

Uno dei temi caldi è quello della chiusura delle scuole. Il Comitato Tecnico Scientifico propone la chiusura di tutte le scuole in zona rossa e nelle zone ad alto rischio anche nelle regioni in zona Gialla o in zona Arancione. Nelle zone ad alto rischio che non sono in zona Rossa, la decisione sulla chiusura delle scuole spetterebbe, stando a quanto si apprende, al Presidente della Regione.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 02-03-2021


Nuovo dpcm, scontro sulla scuola: chi le chiude in zona Arancione? E in base a quali dati?

Il governo presenta il dpcm. Speranza: “Curva in ripresa”. Brusaferro, “Variante inglese è prevalente”