La polizia di Modena ha fermato il marito della donna trovata carbonizzata nella sua auto. L’uomo non ha confessato.

MODENA – Il corpo di una donna marocchina di circa 30 anni è stato ritrovato carbonizzato in una macchina nei pressi dell’inceneritore di Modena. A dare l’allarme è stato un carabiniere di borghese che ha visto fumo uscire dalla vettura. Al suo arrivo per la vittima ormai non c’era più niente da fare.

Le indagini degli inquirenti si sono concentrate subito sulla figura dell’ex marito. L’uomo è stato interrogato per tutta la notte l’uomo che non ha confessato l’omicidio ma gli agenti lo hanno posto in stato di fermo per alcuni indizi che certificherebbero la sua colpevolezza come il ritrovamento di un portachiavi della vittima.

Secondo il primo referto medico la donna sarebbe stata uccisa con quattro coltellate alla schiena. Successivamente il suo assassino ha appiccato l’incendio che non si è propagato all’esterno per mancanza di ossigeno.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
fonte foto https://www.facebook.com/sergio.n.fedele

Da Modena a Firenze, nuovi casi di femminicidio in Italia

Giornata non semplice quella di mercoledì 8 febbraio 2019 per le donne in Italia. A Barberino di Mugello, in provincia di Firenze, un uomo di 49 anni ha tentato di uccidere la cognata di 65 anni con la macchina. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il fermato si è lanciato contro di lei, colpendola frontalmente.

Le condizioni della donna sono gravi ma non sembra essere in pericolo di vita. L’uomo è stato immediatamente fermato dagli inquirenti e portato in carcere con l’accusa di tentato omicidio aggravato. Alla base di questo gesto ci sarebbero dei dissidi sull’eredità. Diversi i litigi negli ultimi anni ma mai queste tensioni erano sfociate in violenza.

Ma questa volta la tragedia è stata sfiorata con la cognata che è stata ricoverata in codice rosso anche se le sue condizioni sembrano stabili. L’uomo nelle prossime ore sarà ascoltato dal magistrato chiamato a confermare la misura cautelare del carcere. Non è la prima volta che accade un episodio simile in Italia con la violenza sulle donne che è sempre più frequente.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/poliziadistato.it/


Sea Watch smentisce il governo: nave idonea al soccorso

Sciopero Trenitalia, tutto quello che c’è da sapere