Morsi e graffi di animali quando sei all’estero: cosa fare?

Quando si viaggia, bisogna porre molta attenzione anche a tutto ciò che ci circonda. Per questo motivo bisognerebbe sempre evitare, se è possibile, il contatto con gli animali di qualunque specie. Vediamo il perché di questa precauzione…

Gli animali, specialmente quelli randagi o non vaccinati, o che vivono in paesi con situazioni sanitarie complesse, sono i principali portatori di virus e batteri.

I cani, i gatti, le scimmie e i roditori, sono la causa principale della trasmissione di malattie, anche gravi per l’uomo e per la sua salute. Principalmente questi animali possono trasmettere: la rabbia, la bartonellosi, il tetano e altre infezioni.

Come comportarsi però se anche senza volerlo si è stati morsi o graffiati da un animale durante un viaggio all’estero? 

Cosa fare se si viene morsi o graffiati da un animale all’estero?

morsi animali
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/gatto-gattino-pet-mammifero-vagano-2431606/

In caso di morso o graffio da parte di un animale, bisogna innanzi tutto disinfettare la ferita. Si consiglia, di pulire la zona ferita con acqua e sapone, di rimuovere eventuali corpi estranei e infine disinfettare con un prodotto apposito. 

Chi è stato morso o ferito da un animale, deve recarsi comunque al centro medico, clinica o ospedale più vicino. In ospedale è possibile controllare immediatamente se si è stati morsi da un animale rabbioso. In questi casi, il medico può valutare la somministrazione di prodotti per la profilassi post-esposizione. 

Per evitare un infezione da tetano invece, se non si effettua il vaccino dell’antitetanica da più di cinque anni, il dottore può valutare l’iniezione di una nuova dose di vaccino. 

Vaccinazione antitetanica e antirabbica prima di partire

Prima di partire è possibile vaccinarsi preventivamente contro il tetano e contro la rabbia. Questi vaccini si consigliano solo in base alla destinazione del viaggio.

Specialmente la vaccinazione antirabbica è meglio evitarla se si va in posti con pochi rischi. Mentre è necessario farla in luoghi dove la rabbia è endemica e vi è un maggior rischio di esposizione alla malattia.

Nel caso si venga morsi o graffiati da un cane in viaggio, è possibile accedere anche alla profilassi antirabbica.

In ogni caso, si sconsiglia sempre di avvicinarsi o dare da mangiare ad animali sconosciuti. Inoltre, prima del viaggio è indicato rivaccinarsi per il tetano, specialmente se si visitano paesi a rischio. 

A chi rivolgersi in caso di morsi o graffi di animali all’estero?

Quando ci si trova all’estero, in qualunque nazione, in caso di morso o graffio da parte di un animale è comunque necessario rivolgersi ad un ospedale o ad una clinica per i controlli necessari e per evitare malattie e infezioni. 

In ogni caso, ricordiamo che le cure mediche all’estero sono a pagamento. Per questo motivo è sempre meglio avere un’assicurazione medico sanitaria, che copra le spese mediche e che permetta il rimpatrio in casi d’infezione grave. 

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/ecuador-zimbaua-villaggio-solitario-298335/

ultimo aggiornamento: 17-10-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X