Come migliorare la qualità del sonno?

Ci capita spesso di passare le nottate a rigirarci nel letto, aspettando che il sonno arrivi miracolosamente? Oppure ci capita di svegliarci troppo presto senza riuscire a prendere sonno? O forse andiamo a coricarci stanchi morti ma impieghiamo un sacco di tempo prima di addormentarci?

Queste situazioni sono più comuni di quanto crediamo, e le cause che stanno alla base dei disturbi del sonno possono essere diverse. Prima di contattare uno specialista, comunque potremmo provare provare ad analizzare quali sono le nostre abitudini. Facendo questo forse ci renderemo conto che migliorare la qualità del nostro riposo notturno è più alla portata di quanto pensiamo.

Sonno

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I rimedi per dormire meglio

Tra i peggiori nemici del sonno ci sono i dispositivi elettronici. Trascorriamo sempre più tempo con gli occhi incollati allo smartphone o al tablet, spesso fino a sera inoltrata. Ebbene, le controindicazioni sono diverse. Innanzitutto, la luce blu degli schermi dei nostri dispositivi va ad inibire la produzione di melatonina, sostanza responsabile del rilassamento e che va a regolare il ciclo veglia-sonno.

In altre parole, gli schermi dei dispositivi elettronici tengono in attività la nostra mente, ed il nostro organismo farà difficoltà a rilassarsi nonostante siamo stanchi.

Un aiuto può venire anche dall’utilizzo di integratori naturali del sonno, a base di melatonina e di altre piante dalle proprietà rilassanti. Possiamo trovarne diversi su farmagevi.com.

La stanza da letto dovrebbe inoltre essere utilizzata esclusivamente per dormire, e non per lavorare, per studiare, mangiare o guardare la televisione. Se ci piace rilassarci la sera davanti alla tv, dovremmo guardarla in un’altra stanza, e successivamente recarci nella camera da letto, quando davvero siamo stanchi.

Dovremmo inoltre cercare di stabilire una routine del sonno, andando a dormire sempre alla stessa ora. Per aiutare il nostro corpo a trovare questa stabilità, possiamo sfruttare la funzione “sonno”, disponibile su diversi smartphone, o in alternativa scaricare un’app dedicata. Questa ci avviserà circa mezz’ora prima di andare a dormire che è arrivata l’ora di spegnere i dispositivi elettronici e di iniziare a rilassarci per andare a letto.

Svolgere regolare esercizio fisico è un vero toccasana per la salute. Evitiamo però di praticare attività intense nelle 4 ore precedenti al momento in cui andiamo a letto.

Cerchiamo inoltre di evitare i cibi pesanti da digerire durante la cena. L’ideale sarebbe mangiare almeno 3 ore prima di andare a dormire. Stiamo attenti anche all’uso eccessivo di alcol e di caffeina nel corso della giornata.

E che dire infine delle nottate in cui ci rigiriamo senza pace e senza riuscire ad addormentarci? Gli specialisti consigliano di alzarsi e di andare in un’altra stanza e di fare altro, in attesa che il sonno pervenga. Non avrebbe senso continuare a rimanere a letto quando non si ha assolutamente sonno. In questo modo interrompiamo l’associazione negativa che la nostra mente crea tra l’insonnia ed il nostro letto.

Se anche noi facciamo fatica a riposare bene, perché non provare questi semplici suggerimenti?

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-10-2022


Lavoro: proposta la settimana corta

Prestiti per ristrutturazione casa: cosa sono e come funzionano