Il decreto Anticorruzione del Movimento Cinque Stelle è legge: ecco cosa prevede il provvedimento che dovrà sconfiggere i corrotti.

Superate le prove di Camera e Senato, il Decreto Anticorruzione, particolarmente discusso dalle opposizioni politiche, diventa legge. Ma cosa prevede il testo del provvedimento sponsorizzato dal Movimento Cinque Stelle?

Voto ddl anticorruzione
fonte foto https://twitter.com/Montecitorio

Cosa prevede il decreto Anticorruzione

Tra le norme più importanti del decreto c’è il Daspo a vita per i corrotti e per i corruttori, che non potranno più rivestire incarichi pubblici.

Per la lotta alla corruzione, lo Stato potrà avvalersi dell’aiuto degli agenti sotto copertura che potranno mettere alla prova funzionari e imprenditori per incastrarli per reati contro la pubblica amministrazione

Il decreto Anticorruzione prevede inoltre un inasprimento delle pene (si passa da un massimo di tre a un massimo di cinque anni di reclusione) per le persone riconosciute colpevoli di reati contro la pubblica amministrazione.

Le persone condannate non potranno inoltre scontare pene alternative e non potranno ricevere permessi premio.

Stop alla prescrizione (dal 2020)

Dal 1 gennaio 2020 la prescrizione non sarà valida dal momento della lettura della sentenza di primo grado a prescindere se la sentenza porti alla condanna o all’assoluzione dell’imputato. Proprio questo provvedimento è stato uno degli scogli più difficili da superare anche alla luce dei contrasti tra la Lega e il Movimento Cinque Stelle.

Polizia
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/poliziadistato.it

La grazia per i pentiti

Le persone che si macchiano di reati di corruzione ma si autodenunciano e accettano di collaborare con le autorità entro quattro mesi dalla commissione del reato, non saranno punibili e perseguibili dalla legge.

Sì alle intercettazioni

Il decreto Anticorruzione permetterà inoltre alle autorità di effettuare intercettazioni anche in abitazioni private per mezzo dei trojan, che potranno essere installati su dispositivi elettronici al fine di registrare le comunicazioni.

Anche la politica nel mirino

Il decreto del Movimento Cinque Stelle mette nel mirino anche la politica con una serie di provvedimenti sui finanziamenti ai partiti. Ogni donazione di importo superiore ai cinquecento euro dovrà essere trasparente, ossia con la specifica di nome e cognome del donatore che, anche complessivamente, entro l’anno versano più di 500 euro.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
decreto anticorruzione evidenza Movimento Cinque Stelle politica

ultimo aggiornamento: 19-12-2018


Caso Fabio Fazio, M5s e Lega pensano ad un cambio di rete

Governo, il capo di gabinetto del MEF Roberto Garofoli si dimette