Coronavirus in Italia, cosa si può fare oggi 6 febbraio in zona gialla e arancione: le regole da seguire.

Per molte Regioni inizia oggi il primo fine settimana in zona Gialla dopo diverso tempo trascorso tra l’Arancione e il Rosso. Al 6 febbraio, quindi prima della nuova ordinanza del ministro Speranza che entrerà in vigore dall’8/02, quasi tutte le Regioni si trovano in zona Gialla e non ci sono Regioni in zona Rossa. Quello che abbiamo di fronte quindi è un fine settimana con poche restrizioni ma tanti controlli nelle zone a rischio delle principali città italiane. Ma andiamo allora a vedere cosa possiamo fare oggi, 6 febbraio.

Coronavirus
Coronavirus

Quali sono le Regioni in zona Gialla

È sempre bene partire dalla mappa, per fare chiarezza. Al 6 febbraio le Regioni in zona Gialla sono Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto.

Cosa si può fare e cosa è vietato: le regole in zona gialla

Andiamo a ripassare quelle che sono le regole in zona Gialla per capire cosa effettivamente sarà possibile fare in questo fine settimana di febbraio, caratterizzato anche da un sensibile aumento delle temperature ma anche da un generale peggioramento delle condizioni meteo.

È vietato spostarsi tra Regioni anche se di colore giallo. Lo spostamento in un’altra Regione è consentito solo per motivi di salute, necessità o lavoro. Lo spostamento fuori dai confini regionali deve essere giustificato con l’autocertificazione.

Bar e ristoranti sono aperti dalle ore 05.00 alle ore 18.00 per il servizio al tavolo. Dalle ore 18.00 i locali con cucina potranno lavorare per il sevizio a domicilio e per l’asporto, mentre gli altri locali solo per il servizio di consegna a domicilio, questo per evitare assembramenti davanti ai locali in una sorta di aperitivo in piazza, come tanti ne abbiamo visti nel corso di questi ultimi mesi.

I negozi all’interno dei centri commerciali saranno chiusi sia nella giornata di sabato che nella giornata di domenica. Saranno aperti solo negozi essenziali all’interno dei centri.

Chiusi i musei, che restano aperti solo dal lunedì al venerdì.

È vietato spostarsi, se non per necessità, lavoro o salute, dalle ore 22.00 alle ore 05.00, fascia oraria nella quale è in vigore il cosiddetto coprifuoco.

Zona Gialla Coronavirus
Fonte foto: https://www.facebook.com/palazzochigi.it

Le Regioni in zona Arancione

In zona Arancione troviamo Provincia Autonoma di Bolzano, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria.

Le regole in zona Arancione

Anche in zona Arancione sono vietati gli spostamenti tra Regioni. Inoltre in zona Arancione non è possibile uscire dal proprio Comune se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

Per completare il quadro degli spostamenti, alla luce del coprifuoco, è vietato uscire di casa dalle 22.00 alle 05.00 del mattino seguente se non per motivi di lavoro, necessità, salute.

Sono chiusi i negozi all’interno dei centri commerciali ad eccezione di parafarmacie, edicole, tabacchi e negozi essenziali.

In zona Arancione bar e ristoranti restano chiusi e non possono servire al tavolo. È consentito l’asporto, che dalle 18.00 può essere richiesto solo in locali con cucina. È possibile inoltre richiedere la consegna a domicilio.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 06-02-2021


Da Aspi alla scadenza del blocco dei licenziamenti, i dossier urgenti del governo Draghi

Tragedia sfiorata a Varese, “Gioca con me o mi uccido!”. La polizia salva un 13enne