Anche chi gioca in borsa ha un’anima

Cosa significa Finanza Comportamentale? Si tratta di una branca della Psicologia Cognitiva nata negli anni ’50. Studia il comportamento del cosiddetto “homo economicus”.

Non soltanto razionalità alla base delle decisioni prese in ambito finanziario

La Finanza Comportamentale, sviluppatasi principalmente negli anni Settanta, mette in discussione i principi della finanza intesa in senso classico, che individuava nella razionalità una delle caratteristiche chiave delle decisioni prese in ambito economico – finanziario e nella massimizzazione del risultato il fine di tali decisioni.

Rimanendo invariato il fine (è naturale che chi opera in ambito finanziario abbia come scopo primario l’aumento delle proprie risorse) la finanza comportamentale ha stabilito che anche nelle operazioni finanziarie l’irrazionalità gioca un ruolo fondamentale nel determinare il comportamento degli individui. 

Cosa significa Finanza Comportamentale nel lavoro quotidiano degli investitori?

Tutti gli esseri umani, e anche gli investitori, agiscono in base a quelle che vengono chiamate Euristiche ovvero in base alle esperienze che hanno accumulato nel corso della propria vita e, in questo specifico ambito, durante il loro percorso professionale in ambito finanziario.

Tali esperienze naturalmente influiscono pesantemente sul comportamento degli individui, andando a volte anche ad alterarli pesantemente rispetto alle aspettative o alle intenzioni di questi ultimi.

Non approfondire l’analisi di un particolare momento dei mercati finanziari perché si è convinti di aver capito la situazione attraverso uno studio superficiale è il tipico errore di chi confida troppo in se stesso e negli strumenti affinati grazie alle proprie esperienze pregresse.

L‘euristica dell’affetto è il risultato comportamentale di un bagaglio di sentimenti scatenati da un’esperienza e che porteranno a compiere una scelta in maniera istintiva se tale situazione dovesse ripresentarsi. Ad esempio se in passato sono stati acquistati determinati titoli e se ne è ricavato un grosso introito, non è detto che comprare titoli simili anni dopo sia un’idea vincente, poiché saranno cambiate le condizioni del mercato. Un imprenditore tuttavia potrebbe scegliere impulsivamente di ripetere l’acquisto a causa del lascito estremamente positivo che l’esperienza passata ha fatto sedimentare nei suoi ricordi.

certificato_unicasim


Cosa studia la Finanza Comportamentale e come migliora la vita di chi investe?

Cosa significa Avversione alla Perdita nella Finanza Comportamentale