Cosa sono e quali sono i derivati finanziari più apprezzati

Strumenti finanziari enormemente diffusi dagli anni 2000

Perché è importante per un investitore sapere cosa sono e quali sono i derivati finanziari più diffusi sul mercato globale?

Cosa sono e quali sono i derivati finanziari?

I derivati appartengono al vasto gruppo degli strumenti finanziari. Si distinguono per la loro complessità e per il loro intrinseco legame a un’attività sottostante chiamata underlying asset.

Un derivato rappresenta in parole povere una scommessa sull’andamento di un certo prezzo sui mercati finanziari. Il prezzo in questione può riferirsi ad un particolare bene (l’oro, il petrolio, quotazioni di titoli o tassi d’interesse). Per questo motivo i titoli derivati non hanno alcun valore intrinseco: il loro valore dipende in tutto e per tutto dall’underlying asset di riferimento.

Questa particolare natura dei titoli derivati comporta la conseguenza che chi investe in titoli derivati molto spesso non ha alcun rapporto con i beni o con gli indici che costituiscono l’underlying asset dei suoi titoli: ad esempio chi acquista titoli derivati del prezzo del petrolio non ha alcuna necessità di investire in petrolio

I principali tipi di titoli derivati sono: 

  • Interest Rate Swap: un derivato che ha come underlying asset l’andamento di un indice o di un tasso di interesse.
  • Commodity Swap: un derivato che scommette sull’andamento del prezzo di un bene (spesso materie prime)
  • Credit Default Swap: è molto simile a una polizza assicurativa. Viene emessa per mettere un soggetto al riparo dal rischio di insolvenza di un altro soggetto.

I motivi della diffusione dei titoli derivati

I Credit Default Swap sono stati emessi in numero enorme negli ultimi anni a garanzia del debito sovrano degli stati dell’EurozonaQuesta massiva emissione di titoli ha indotto un sensibile aumento dello spread tra i Paesi finanziariamente forti e i Paesi finanziariamente deboli, di cui i maggiori esempi sono la Germania e la Grecia.

Tralasciando il debito sovrano, i titoli derivati hanno incontrato il favore soprattutto di quegli investitori che sono interessati ad attività speculative. La bolla finanziaria esplosa tra il 2007 e il 2008 ha consentito, a causa dell’ampia presenza di titoli derivati sui mercati finanziari mondiali, di far ricadere le perdite che ne sono conseguite sulle attività di economia reale, come enti pubblici, aziende, industrie.
certificato_unicasim

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 30-06-2017

Guide News Mondo

X