Si stabiliscono tra due Stati che abbiano frequenti rapporti commerciali

Gli Accordi di Compensazione sono prassi finanziarie finalizzate al ridurre al minimo il trasferimento di denaro da un paese all’altro, facilitando gli scambi.

Cos’è in generale la Compensazione?

La compensazione nell’ambito del commercio internazionale è l’equivalenza tra il valore delle importazioni e il valore delle esportazioni effettuate da un dato Paese in un certo momento.

A livello della finanza internazionale si definisce compensazione la regolazione dei crediti e dei debiti che intercorrono tra due Stati legati da rapporti commerciali.

Due secoli fa le transizioni finanziarie finalizzate alla compensazione avvenivano tramite denaro contante in camere apposite. Oggi tutte le operazioni vengono effettuate in maniera telematica.

A cosa servono e come funzionano gli Accordi di Compensazione

Due Paesi che contraggano frequentemente debiti e crediti traggono grandi benefici dalla sottoscrizione di Accordi di Compensazione e dall’Istituzione di Casse di Compensazione.

Queste ultime sono istituzioni finanziarie che tengono i conti dei debiti e dei crediti contratti dai due Stati. Esse riscuotono dagli importatori quanto essi devono ai venditori esteri. Con quel denaro pagano gli esportatori nazionali che hanno venduto ai compratori esteri. In questo modo si tende a compensare i debiti e i crediti di entrambi i paesi riducendo al minimo la necessità di operare cambi valuta.

Per fare un esempio schematico ed estremamente teorico: si consideri che il Paese A, che utilizza la valuta X, abbia un accordo di compensazione con il Paese B, nel quale è in vigore la valuta Y. Un X vale 2 Y.

  • Il Paese A acquista della merce dal Paese B e contrae un debito di 1000 X
  • Il paese A vende al paese B della merce e ha un credito di 500 Y
  • La cassa di Compensazione del Paese B raccoglie il denaro con il quale i suoi compratori dovrebbero pagare il paese A: 500 Y.
  • La Cassa di Compensazione del Paese B distribuisce ai suoi venditori i 500 Y appena raccolti e, opera un cambio valuta e sottrae il risultato ai debiti che il paese A ha ancora nei suoi confronti.
  • Il Paese A è tenuto a versare alla cassa di Compensazione del Paese B soltanto 1000 X – 500 Y, cioè (operando il cambio) 2000 – 500 = 1500 Y

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 30-04-2017


Mercati Efficienti. La definizione di questa caratteristica finanziaria

Usufrutto legale: Di cosa si tratta e come attivarlo secondo la legge