L’Ucraina e l’Occidente temono che la Russia possa – in seguito alle false accuse a Kiev – utilizzare nel conflitto la “bomba sporca”.

Da qualche settimana si parla dell’eventualità che la Russia possa utilizzare, durante il conflitto con l’Ucraina, la cosiddetta bomba sporca. Ma di cosa si tratta? La questione è nata in seguito alla segnalazione del ministro della Difesa russo, Serghei Shoigu, il quale ha parlato della preoccupazione della Russia in merito all’utilizzo di armi radiologiche da parte dell’Ucraina.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le accuse nei confronti di Kiev

Da parte loro, Kiev e l’Occidente, hanno definito le accuse del ministro della Difesa come “palesemente false”. Le “bombe sporche” sono quegli ordigni costruiti con esplosivo unito a materiale radioattivo. Avendo comunque un raggio d’azione circoscritto, secondo gli esperti il pericolo maggiore è dato dalla detonazione degli ordigni piuttosto che dagli effetti delle radiazioni.

Guerra Ucraina

“Nessuno si lascerebbe ingannare” se Mosca dovesse intensificare gli attacchi usando il pretesto della “bomba sporca” utilizzata da Kiev. Lo hanno dichiarato in una nota congiunta Parigi, Londra e Washington. I ministri degli Esteri francese, britannico e americano “respingono le accuse palesemente false della Russia secondo cui l’Ucraina si starebbe preparando a usare una ‘bomba sporca’ sul proprio territorio”.

Quali conseguenze comporta l’uso di armi radiologiche

La paura è che in tutta questa situazione, la Russia decida deliberatamente di far esplodere una “bomba sporca” giustificando il tutto con l’accusa precedentemente rivolta a Kiev. Le conseguenze sarebbero catastrofiche. Innanzitutto, non è facile prevedere l’intensità dei danni in quanto ciò dipende dal materiale radionuclide utilizzato.

Un’altra variabile è la quantità di esplosivo impiegato. Secondo la United States Nuclear Regulatory Research, chi è più vicino all’esplosione ha maggiori probabilità di rimanere ferito o ucciso dalla detonazione piuttosto che dalle radiazioni. Nel caso in cui il Cremlino decida veramente di utilizzare una bomba sporca durante il conflitto con Kiev, “ci saranno conseguenze”. A dichiararlo il portavoce del Pentagono Pat Ryder.

Le conseguenze della “bomba sporca” sono state comunicate al Cremlino, in vari livelli. Inoltre, le precedenti accuse nei confronti di Kiev secondo cui starebbe preparando a sua volta ordigni radiologici è stata smentita. In questa situazione Mosca ha chiesto al Consiglio di sicurezza dell’Onu di riunirsi. Oggi il tema sarà l’integrità della Carta Onu e domani le armi biologiche. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 26-10-2022


Covid, studio rivela integratore che riduce la gravità della malattia 

Il ministero dell’Interno blocca due navi Ong