Che cos’è l’amnistia

L’amnistia è un provvedimento previsto tanto dalla Costituzione Italiana, all’art 79, e dal Codice Penale che lo norma più nel dettaglio all’art 151. Ecco in cosa consiste

chiudi

Caricamento Player...

L’art 151 del Codice Penale definisce così l’amnistia. 

L’amnistia estingue il reato e, se vi è stata condanna fa cessare l’esecuzione della condanna e le pene accessorie.

Quindi concedere l’amnistia vuol dire che se il reato commesso non può essere storicamente negato, se ne eliminano completamente le conseguenze giuridiche, e nei  fatti è come se non fosse mai sussistito. Si potrebbe dire che l’atto commesso nasce come penalmente rilevante, ma in seguito intervengono cause che non lo rendono più tale.

L’amnistia può essere concessa sia durante il processo, dunque prima che venga emessa una condanna definitiva, oppure in seguito. Nel primo caso si definisce propria, nel secondo impropria.

Per essere concessa, l’amnistia deve essere votata dai due terzi dei componenti di ciascuna Camera, e disposta con una legge dello stato. L’amnistia non viene concessa per legge a recidivi reiterati e aggravati, ai delinquenti abituali e professionisti, ai delinquenti per tendenza. Può essere rifiutata da un imputato che voglia invece dimostrare la propria innocenza.