Cos’è l’avviso bonario e perché conviene rispondere immediatamente

Una comunicazione a cui rispondere tempestivamente

chiudi

Caricamento Player...

Cos’è l’avviso bonario? Come un contribuente inadempiente può cogliere l’occasione per mettersi in regola con il fisco.

Cos’è l’avviso bonario?

Un avviso bonario non è altro che una semplice comunicazione di irregolarità che l’Agenzia delle Entrate – Riscossione inoltrerà a tutti quei contribuenti che per un motivo qualsiasi non risultino in regola con i pagamenti.

A parte le situazioni gravi, che si verificano quando effettivamente un contribuente non ha versato somme consistenti, l’avviso bonario viene inoltrato anche quando ci siano delle inesattezze nella compilazione di alcuni moduli: se si trattasse ad esempio dell’inserimento errato di una data o di un codice si potrà richiedere l’annullamento dell’avviso appena ricevuto dopo aver corretto l’errore ed aver opportunamente segnalato la correzione.

Ad ogni avviso bonario viene allegato un modello F24 che il contribuente è invitato a compilare per pagare all’Agenzia delle Entrate le imposte non ancora versate.

Quanto tempo si ha per regolarizzare la propria posizione fiscale dopo un avviso bonario?

Nel momento in cui si dovesse ricevere un avviso bonario si avranno 30 giorni di tempo per rettificare semplici errori di compilazione recandosi in un qualsiasi ufficio con i documenti che attestino la correttezza della propria situazione fiscale.

Nel caso in cui non si tratti di un errore, ma il contribuente sia effettivamente in difetto, dovrà versare il dovuto, anche rateizzandolo. Se il debito contratto con il fisco no supera i 5.000 Euro, l’importo potrà essere rateizzato in un massimo di 8 rate da pagare a scadenza trimestrale. Nel caso di importi superiori si potrà procedere a una rateizzazione che non superi le 20 rate trimestrali.

Una volta cominciato a saldare il proprio debito, il contribuente potrebbe trovarsi impossibilitato a pagare una rata: se riesce a versarla entro un massimo di 7 giorni, se la rata non pagata è inferiore a 10.000 Euro si tratterà di un lieve inadempimento che non inficerà la rateizzazione successiva.

certificato_unicasim