Un imprenditore di Genova, Salvatore Ponzo, è stato trovato morto in Costa Rica. Insieme a lui ferita anche la fidanzata, Toaquiza Lopez.

SAN JOSÈ – Un imprenditore genovese è stato trovato morto il 23 maggio 2018 a San Josè  in Costa Rica. A riportare la notizia è il quotidiano Il Secolo XIX.

Salvatore Ponzo, fondatore della Tierra Nuestra Latina per esportare ananas e altri prodotti in Europa, è stato raggiunto da alcuni colpi di pistola sparati da due killer a bordo di una moto mentre stava raggiungendo la sua pick up con la fidanzata ecuadoregna, Toaquiza Lopez, dopo aver lasciato l’ambasciata italiana. La sua compagna è rimasta ferita ed è ricoverata in gravi condizioni.

Ambulanza
Ambulanza (fonte foto https://www.facebook.com/inambulanza/)

Imprenditore ucciso in Costa Rica, la Procura di Roma indaga per omicidio

Sul luogo della sparatoria gli inquirenti hanno trovato 20 bossoli. La Polizia locale ha informato che la ricerca ai due killer continua senza sosta.

Le Forze dell’Ordine sono al lavoro anche per cercare di trovare il movente, al momento ancora sconosciuto. Si scava a fondo nella vita dell’imprenditore per trovare alcune notizie che potrebbero motivare l’omicidio.

La Procura di Roma ha comunicato che ha aperto una indagine per omicidio in relazione alla morte di Salvatore Ponzo. L’inchiesta è stata affidata al procuratore aggiunto Francesco Caporale e al sostituto Maria Letizia Golfieri.

Non è il primo caso di un italiano ucciso in Costa Rica. Il 14 maggio era scomparso sempre nello stato centroamericano, Stefano Calandrelli, ritrovato senza vita pochi giorni dopo. La Polizia non ha trovato nessun collegamento tra le due persone. Anche in questo caso nella Capitale è stata aperta un’indagine per fare chiarezza sulla morte.

fonte foto copertina https://twitter.com/BlitzQuotidiano

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
costa rica esteri omicidio Salvatore Ponzo

ultimo aggiornamento: 25-05-2018


Harvey Weinstein ha pagato la cauzione: è libero

L’Irlanda dice sì all’aborto: il 68% vuole l’abrogazione dell’articolo 8