I contagi da Covid 19 continuano ad aumentare in maniera implacabile. Il picco sembra ormai alle porte. Il pensiero di Pregliasco.

Al fine di tenere al sicuro i cittadini più fragili, la somministrazione della quarta dose verrà dedicata anche agli over 60. Nell’ambito di un’intervista per Fanpage.it, Fabrizio Pregliasco ha fatto il punto della situazione.

In che fase siamo?

Siamo in una fase di transizione. Ci sono due fattori da considerare: le aperture sprint, che ci siamo guadagnati, e Omicron 5 che hanno rilanciato quello che sapevamo sarebbe successo. Siamo in una fase di transizione verso una fase di endemia ma ci saranno ancora onde, fino a quando si placherà, a meno che non arriverà una variante ancora più cattiva.

Quanto è importante ampliare la platea per la quarta dose?

È stato molto importante perché dobbiamo mitigare la diffusione. A settembre ci sarà un vaccino aggiornato ma ora ci vuole questo. E ci vuole anche un uso dei farmaci anti virale che ancora stentano a partire per convivere meglio con questo virus. Con la vaccinazione si tamponano i danni che può provocare.

Quanto è realistica l’ipotesi di un nuovo lockdown?

Dobbiamo far circolare il virus ma non farlo correre, altrimenti ci ritroveremo come sotto la guida della UK di Boris Johnson o come India e Brasile. Il lockdown deve essere una pianificazione più certa. Bisogna dire ai cittadini che se ci sarà un disastro, ci sarà un altro lockdown. O quantomeno altri interventi restrittivi.

Coronavirus Covid
Coronavirus Covid

Che inverno ci aspetta?

Un inverno con altre varianti e altre ondate di contagio.

Quali i nuovi step per convivere ancora meglio con il virus?

Nel prossimo futuro si dovrà concedere agli asintomatici di non stare in quarantena ma obbligarli solamente a indossare le FFP2.

Anche se infettano?

Sì, anche se infettano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-07-2022


Assalto alla Cgil: prime sei condanne per devastazione

Bollettino Covid di oggi: 37.756 contagi e 127 decessi in Italia