ROMA – Una nuova moda sta allarmando le autorità sanitarie americane. Negli Usa negli ultimi modi sta spopolando, come riportato dall’Ansa, il Covid-19 party.

Feste dove i ragazzi in salute si mischiano a persone positive nella speranza di essere contagiati e diventare immuni. Un tentativo che non sempre va a buon fine perché, come riferiscono i media statunitensi, nella contea di Washingon le vittime hanno superato quota 800 con i contagi oltre 15mila. Preoccupati i medici che rischiano di vedere le strutture sanitarie andare al collasso proprio per questi party.

Allarme Covid-19 party negli Usa

L’idea di organizzare queste feste è nata dopo l’ipotesi di un passaporto di immunità per tutte le persone che sono positive al coronavirus. Un documento che permetterebbe ai contagiati di poter girare liberamente dopo essere guariti.

In realtà, l’Oms e le autorità sanitarie italiane hanno frenato sulla possibilità di autorizzare i cittadini che non hanno più il Covid-19 a muoversi senza rispettare le norme anti-coronvirus visto che non è assicurata l’immunità.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Coronavirus

Le autorità sanitarie americane preoccupate

La notizia dei Covid-19 party preoccupa le autorità americane visto che è alto il rischio di vedere collassare gli ospedali per i diversi casi che potrebbero essere registrati nelle prossime ore.

E’ inaccettabile ed irresponsabile – ha attaccato Meghan DeBolt, direttrice dell’assessorato alla Sanità della Contea Walla Walla – esporsi deliberatamente ad un contagio è rischioso per chi lo fa e per gli altri“. Preoccupazione, in particolare, per le persone più fragili che rischiano di essere contagiati da figli e nipoti. Una moda che potrebbe fare aumentare in modo esponenziale i numeri negli Stati Uniti nelle prossime ore.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


La svolta, la trattativa con i rapitori e lo scambio: così è stata liberata Silvia Romano

Coronavirus, oltre 100mila guariti da inizio epidemia