Numeri di casi da Covid in Italia, dal 17 al 24 novembre, secondo il bollettino della Protezione Civile e ministero della Salute.

Il bollettino settimanale della Protezione Civile e del ministero della Salute, riferito alla settimana dal 17 al 24 novembre, rileva 229.122 nuovi contagi da Coronavirus in Italia e altri 580 morti. Quindi ancora in aumento i contagi che già dalla settimana scorsa segnalavano una forte crescita. Anche la Fondazione Gimbe allarma sull’andamento della pandemia in graduale risalita, prevedendo una crescente espansione dei contagi durante l’inverno e invitando alla vaccinazione fragili e anziani.

Covid
Covid

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Bolletino settimanale

Il 17 novembre il totale dei casi Covid era pari a 24.031.538 rispetto ai 24.260.660 del 24 novembre, i decessi totali sono passati da 180.518 a 181.098. Al 24 novembre i ricoverati con sintomi sono 7.613 rispetto ai 6.981 del 17 novembre (+632), mentre i pazienti in terapia intensiva passano da 247 a 250 (+3). Il totale dei tamponi effettuati è pari a 257.057.363 contro 255.780.377 al 17 novembre, per un totale di 1.276.986 nell’ultima settimana.

Le regioni

In Toscana sono 2.074 i nuovi contagi da Covid oggi, e da ieri sono stati registrati 5 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1.061 tamponi molecolari e 9.299 antigenici rapidi con un tasso di positività del 20%. Da ieri sono guarite 1.212 persone. I ricoveri in ospedale sono 498, uno in meno rispetto a ieri, 16 le terapie intensive occupate, stabili rispetto ai ieri.

I casi delle ultime 24 ore nelle province sono: Firenze a 522 in più rispetto a ieri, Prato a 110 in più, Pistoia a 163 in più, Massa Carrara a 123 in più, Lucca a 276 in più, Pisa a 259 in più, Livorno a 231 in più, Arezzo a 142 in più, Siena a 132 in più e Grosseto a 110 in più. In isolamento domiciliare 62.899 persone.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-11-2022


Ucraina, Putin: “Soldati russi sono eroi”

Angela Merkel, “non avevo più influenza su Putin”