Covid, certificazione verde bloccata dopo un tampone positivo: come riattivare il Green Pass dopo la guarigione.

Cambiano le regole per riattivare il Green Pass dopo la guarigione dal Covid. Le nuove disposizioni in vigore dal 6 gennaio semplificano la procedura per la riattivazione della certificazione verde, che viene sospesa in caso di positività. Andiamo a vedere allora come riattivare il Green Pass dopo la guarigione dal Covid.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Come riattivare il Green Pass dopo la guarigione dal Covid

Partiamo dalla premessa. Per i soggetti che risultano positivi al Covid scatta la sospensione temporanea del Green Pass. Questo per evitare che si possa andare liberamente in giro nonostante la positività. In virtù delle nuove regole, per riattivare la certificazione verde basta un tampone antigenico o molecolare con esito negativo.

La struttura presso la quale si effettua il test invierà alla piattaforma sanitaria l’esito del tampone. Con tampone negativo, il Green Pass sarà riattivato nel giro di poche ore. L’utente riceverà il nuovo certificato verde che potrà essere scaricato direttamente dall’App Io.

Cosa cambia rispetto a prima? Prima per riavere il Green Pass era necessario presentare un certificato di guarigione. Con le nuove regole la procedura si semplifica. Con un tampone positivo il Green Pass viene sospeso e un tampone negativo riattiva la certificazione verde.

GREEN PASS
GREEN PASS

Le regole per la quarantena

Intanto gli italiani stanno facendo i conti con le nuove regole relative alla quarantena. I soggetti positivi asintomatici che hanno completato il ciclo vaccinale o che hanno ricevuto la terza dose da meno di quattro mesi dovranno trascorrere sette giorni in isolamento e poi procedere con un test antigenico o molecolare. I soggetti positivi sintomatici dovranno trascorrere dieci giorni in isolamento. Anche in questo caso la quarantena termine in seguito ad un tampone con esito negativo.

Per quanto riguarda i contatti stretti con un soggetto positivo, chi ha completato il ciclo vaccinale o ha ricevuto la dose booster da meno di quattro mesi non deve sottoporsi alla quarantena. Scatta l’auto-sorveglianza con l’obbligo però di indossare la mascherina di tipo Ffp2 fino al deciso giorno successivo all’ultimo contatto con il soggetto risultato positivo al Covid. Nel caso in cui si manifestino sintomi riconducibili al Covid, il soggetto deve effettuare un tampone.

Chi è guarito o vaccinato da più di quattro mesi deve invece procedere con una quarantena di cinque giorni e poi procedere con un tampone.

Per i non vaccinati invece le regole non cambiano. Scatta la quarantena di dieci giorni con obbligo di effettuare un test al termine dell’isolamento. La quarantena termina con un tampone con esito negativo.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 06-01-2022


Tragedia in Spagna, si ribalta un castello gonfiabile: morta una bambina di 8 anni. Nove adolescenti morti in un incendio a Philadelphia

Nuovo decreto Covid, Green Pass anche per negozi e parrucchieri. Il Super Green Pass sui bus. Le nuove regole