Le Regioni al Governo hanno chiesto un cambio di passo sul Covid. Ecco la loro posizione espressa in una riunione.

ROMA – Un cambio di passo sul Covid. E’ questa la richiesta avanzata dalle Regioni al Governo al termine di un confronto avvenuto a Roma. I presidenti hanno confermato come i dati sono in calo e, nonostante lo stato di emergenza è stato prorogato al 31 marzo, c’è bisogno di una strategia diversa da quella adottata nelle ultime settimane.

Nei prossimi giorni, quindi, il premier Draghi potrebbe convocare una cabina di regia per valutare meglio la situazione e capire quali misure da mettere in campo per contrastare il Covid.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le richieste delle Regioni al Governo

Come riferito dall’Ansa, le Regioni hanno ribadito il proprio no ai colori e soprattutto un cambio di strategia sulle quarantene e a scuola. Per quanto riguarda le classi, l’obiettivo è quello di eliminare definitivamente la Dad per i vaccinati e consentire a tutti di seguire in presenza se negativi. Inoltre, la richiesta è di fare tamponi solamente ai sintomatici.

Il confronto continuerà nei prossimi giorni e il 2 febbraio è in programma il confronto Stato-Regioni per capire le misure da mettere in campo e soprattutto arrivare ad un compromesso visto che esiste una piccola distanza.

Coronavirus
Coronavirus

Fedriga: “Guardare al futuro e avvicinare la normalità”

Il presidente Fedriga ha sottolineato come “l’obiettivo deve essere quello di guardare al futuro e procedere rapidamente verso quella normalità che consente una ripresa più ordinata e soprattutto il rilancio del nostro Paese. In particolare, si deve superare la zona a colori e soprattutto iniziare un sistema di sorveglianza sanitaria solamente ai sintomatici“.

Un confronto, come detto, fondamentale per trovare quelle misure molto utile a consentire il Paese a ripartire dopo due anni molto complicati per la pandemia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 25-01-2022


Quirinale, seconda fumata nera. Maddalena e Mattarella i più votati. Voti anche per Berlusconi e Draghi

Quirinale, il Centrodestra si tiene l’asso nella manica