Esistono diverse sintassi e procedure da utilizzare per creare riferimenti ad altri fogli Excel. Ecco come funzionano.

Non è raro, in Microsoft Excel, usare riferimenti ad altri fogli Excel. Questo sistema di per collegarsi ad altri file, fogli o celle può indubbiamente sembrare complicato ma in realtà è più duttile e intuitivo di quello che risulta a primo approccio.
Scopriamolo insieme.

Come fare riferimento ad un altro foglio nello stesso file Excel

Ogni cella viene denominata in base a due parametri: la lettera della colonna ed il numero della riga. La cella B3 sarà la cella d’intersezione della colonna con la riga 3.

Se dobbiamo fare riferimento ad una cella presente su di un altro foglio di lavoro dovremo includere all’interno di questa sintassi il nome dell’altro foglio.

Se ad esempio abbiamo un foglio chiamato gennaio e dobbiamo riferirci alla cella B3 la sintassi da utilizzare è la seguente:

=Gennaio!B3

Ovvero =nomefoglio!riferimentocella

Il punto esclamativo (!) è l’elemento che separa il nome del foglio dall’indirizzo della cella.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Se il nome del foglio comprende uno spazio bisogna cambiare leggermente la sintassi e includere degli apostrofi all’inizio e alla fine del riferimento.

=’Gennaio 2021’!B3

Volendo è possibile far fare in maniera automatica il riferimento ad Excel.
Per farlo digitiamo il segno di uguale (=) in una cella, poi facciamo clic col mouse sulla cella a cui vogliamo riferirci presente nell’altro foglio di lavoro.
Excel in questo caso scriverà automaticamente il riferimento per noi nella barra della formula.

Come usare i riferimenti ad altri fogli Excel su file diversi

Per fare riferimento ad una cella presente all’interno di un altro file Excel c’è da seguire delle regole di sintassi piuttosto simili.

In primis è importante segnalare che Excel può carpire da solo i riferimenti in maniera simile a quanto fa tra un foglio di lavoro e l’altro. In questo caso assicuriamoci di avere l’altro file Excel aperto prima di iniziare a digitare la formula, per semplificare il tutto.

Nella cella dove vogliamo veder apparire il risultato digitiamo il segno di uguale (=) e poi passiamo all’altro file. Qui facciamo clic sulla cella del file a cui vogliamo far riferimento, torniamo e poi premiamo invio.

La sintassi del riferimento in questo caso è così organizzata: il nome del file ed il formato sono chiusi in parentesi quadre e sono seguite da nome del foglio e dal numero di cella.

=[filediprova.xlsx]Gennaio 2021!B3]

Se il nome del file o del foglio contiene spazi è necessario racchiudere il riferimento al file (parentesi quadre comprese) tra due apostrofi.

='[file di prova.xlsx]Gennaio 2021'!B3

Come abbiamo visto creare un riferimento ad un’altra cella o ad un altra cartella di lavoro è piuttosto semplice. Il problema principale legato a questa pratica è la sua delicatezza: se qualcuno rinomina il file, rinomina il foglio di lavoro o ne modifica la posizione all’interno del computer, i riferimenti non funzioneranno più


Come funziona la visualizzazione struttura di Word

Come modificare le foto in Android in modo semplice e rapido