Crisi di governo, Salvini vuole il voto immediato e scarica le colpe su Conte

Salvini grida allo scandalo M5S-Pd e non molla: “Elezioni subito”

Matteo Salvini grida al complotto per giustificare la crisi di governo e chiede il voto immediato. Continua la trattativa tra M5S e Pd.

Crisi di governo, Matteo Salvini non molla e si aggrappa al voto immediato, tra ottobre e novembre. Il leader delle Lega ha iniziato l’effetto domino facendo sapere a Conte di voler andare alle urne e presentando una mozione di sfiducia. Ma a via Bellerio non hanno fatto i conti con l’asse M5S-Pd emersa chiaramente in Senato in occasione della definizione del calendario, quando è stata bocciata la votazione della mozione leghista contro il premier.

Giuseppe Conte Matteo Salvini Luigi Di Maio
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Crisi di governo, Matteo Salvini vuole il voto immediato e scarica le colpe su Conte e il Movimento 5 Stelle

La strategia della Lega è chiara. Scaricare su Conte e sul Movimento 5 Stelle le responsabilità della crisi e strappare a Mattarella il via libera per le elezioni nel minor tempo possibile. Una via ancora probabile a meno che non dovesse concretizzarsi l’alleanza giallo-rossa.

Matteo Salvini
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

Le Lega si appella alle piazze e agli alleati di Centrodestra

Salvini cavalca l’onda del complotto e spera di mobilitare le piazze per spingere il Colle a indire nuove elezioni. Il leader del Carroccio corre il rischio di perdere tutto. Se non si andasse al voto rischierebbe di passare tre anni circa all’opposizione. Un lasso di tempo lontano dalle luci dei riflettori durante il quale l’effetto Lega potrebbe scomparire e il Capitano potrebbe essere costretto a rintanarsi nel fortino del Nord, dove tutto è nato.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Lo spettro di un governo M5S-Pd

Anche nel giorno 2 della crisi, quello successivo alle dimissioni di Giuseppe Conte, la Lega, insieme con gli alleati del Centrodestra, continua a chiedere il voto subito iniziando un pressing asfissiante sul Colle nella speranza di far deragliare l’alleanza Pd-M5S.

ultimo aggiornamento: 22-08-2019

X