Crisi di governo, Zingaretti blinda Conte e ricorda: “È stato Renzi che si è preso questo rischio, il Pd non vuole le elezioni”.

Il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti torna a fare il punto sulla crisi di governo allontanando l’ipotesi delle elezioni e blindando il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Crisi di governo, Zingaretti: “Risolvere i problemi significa impegnarsi con Conte”

Il Pd non ha mai puntato e non vuole le elezioni: siamo stati chi s’è speso di più per non fare le elezioni, siamo stati responsabili e portato avanti la battaglia sui contenuti. E’ stato Renzi che ha portato a questo rischio, con una crisi al buio“, chiarisce Nicola Zingaretti come riferito dall’Ansa. “Bisogna uscire da questa situazione. Va evitato e per farlo il Pd si sta adoperando per garantire un governo autorevole e con una base parlamentare ampia, europeista. Risolvere problemi non vuol dire baci e abbracci ma impegnarsi con Conte visto che ha avuto la fiducia poco tempo fa, per un governo ampio ed europeista“.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Italia Viva, Bellanova: “Aspettiamo ancora il tavolo promesso da Bonafede sui temi della giustizia”

Italia Viva conferma di essere pronta a dialogare con la maggioranza di governo e di non voler porre veti sui nomi, ma i renziani spostano l’attenzione sul Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, chiamato alla prova dell’Aula. E Italia Viva dovrebbe votare contro le relazione del ministro.

“Ascolteremo, come abbiamo sempre fatto ma temo che sarà difficile votare diversamente da un no, perché aspettiamo ancora il tavolo promesso da Bonafede sui temi della giustizia, che non è stato mai fatto. Ora vengono tante sollecitazioni a rispondere a temi posti da Italia viva, noi siamo pronti ad ascoltare .Ma di certo, se si afferma che in Italia nessuno va in carcere da innocente, c’è molto da riflettere”


Lombardia zona Rossa, il Tg3 mostra in esclusiva la mail della Regione all’Iss. Chi ha sbagliato

Elezioni in Portogallo, rieletto il presidente Marcelo Rebelo de Sousa