Un nuovo gruppo di Responsabili sta per nascere al Senato. Il Centrodestra salirà compatto al Quirinale: “No al Ter”.

ROMA – Un nuovo gruppo di Responsabili nelle prossime ore dovrebbe nascere al Senato. Il deputato Bruno Tabacci, leader del Centro Democratico, è al lavoro per formare questo nuovo movimento per sostenere il premier Conte.

I senatori, che potrebbero salire al Colle insieme al Maie, all’interno del gruppo sono quelli che hanno votato la fiducia a Palazzo Madama. I lavori sono in corso per consolidare i numeri nelle prossime ore. Al momento, non ci sono i voti per un Conte-ter senza il sostegno di Italia Viva.

Il Centrodestra compatto al Colle: “No al Conte-Ter”

Nessuna partecipazione da parte di Forza Italia in una possibile maggioranza Ursula. Nelle ultime ore le indiscrezioni prevedevano l’ingresso di forzisti e rappresentanti di Iv in questo nuovo gruppo, ma da parte del partito di Berlusconi le smentite sono state immediate.

Nessun soccorso sottobanco per il governo – ha assicurato Tajani dopo il vertice del Centrodestra, riportate da La Repubblicavoteremo solo provvedimenti che servono agli italiani […]“. Una posizione condivisa anche da Giorgia Meloni e Matteo Salvini. “Siamo disponibili a dare all’Italia un’alternativa per far finire questa pantomima indegna“, ha detto la leader di FdI. “Noi siamo pronti, diamo la parola agli italiani“, ha aggiunto il numero uno di via Bellerio.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Iv apre al Conte-ter. M5s, Pd e Leu compatti

Il nome di Giuseppe Conte sarà ribadito al presidente Mattarella da M5s, Pd e Leu. Da parte di Italia Viva non c’è nessuna chiusura sul premier dimissionario, ma l’apertura resta condizionata al programma.

Anche in questo caso il pallino del gioco sembra essere in mano a Matteo Renzi. Non si esclude la possibilità di un governo di unità nazionale fino al voto. Il Capo dello Stato si pronuncerà solo dopo aver ascoltato il pensiero di tutti i partiti.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 26-01-2021


L’ultimo Cdm del Conte bis: “Non siamo alla fine. Volevano buttarci giù un anno fa”

Caso Lombardia, bagarre in Consiglio regionale. In Aula arriva la Digos