Negli istanti successivi al triplice fischio finale della gara persa contro il Belgio, Cristiano Ronaldo ha avuto una reazione scomposta.

È andato in scena ieri sera uno degli ottavi di finale più combattuti e blasonati di questi Campionati Europei, che hanno già fatto vittime illustri. Salutata l’Olanda, battuta a sorpresa dalla Repubblica Ceca, hanno salutato Cristiano Ronaldo e il suo Portogallo. L’undici di Fernando Santos ha dovuto soccombere nel match con il Belgio, uscito vittorioso per 1-0 grazie a un vera gemma di Thorgan Hazard nel primo tempo. 

Cristiano Ronaldo: saltano i nervi

Qualunque sarebbe stata la squadra eliminata, la rassegna continentale avrebbe perso un pezzo importante. Alla fine, hanno perso i campioni in carica, nonostante le occasioni create nelle battute conclusive. Un boccone amaro da ingerire e ingoiare, soprattutto per chi, come Cristiano Ronaldo, è avvezzo ai trionfi. Lo spirito competitivo del fuoriclasse di Madeira è arcinoto. Nel bene e nel male CR7 contempla esclusivamente il successo e guai se accade il contrario.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

Terminata la gara, Cristiano Ronaldo ha mostrato in mondovisione lo stato d’animo: una furia, deluso dal mancato passaggio del turno e probabilmente dall’incapacità di incidere. Dopo un abbraccio prolungato con Lukaku, la stella della Juventus ha scaraventato sul terreno di gioco e preso a calci la fascia da capitano. Su Twitter circola un filmato che coglie “in flagrante” l’asso lusitano. L’episodio non è da considerarsi una prima assoluta. Già in passato gettò a terra la fascia da capitano, più esattamente nel corso della partita contro la Serbia, valida per le qualificazioni al Mondiale 2022 in Qatar, successivamente a un gol non convalidato alla propria Nazionale. 

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

TAG:
Europei

ultimo aggiornamento: 28-06-2021


Euro 2020, Italia-Belgio: il bollettino sulle condizioni di De Bruyne e Hazard

Kessie, il rinnovo col Milan si fa complicato: l’Inter tenta lo sgarbo