Il crollo dei colossi del petrolio per l’emergenza coronavirus. E le multinazionali pensano a strategie anti-crisi.

MILANO – Il crollo dei colossi del petrolio per l’emergenza coronavirus. Sono diverse le multinazionali che stanno facendo i conti con una crisi causata dal lockdown.

Eni ha chiuso il primo semestre dell’anno con una perdita pari a 7,34 miliardi mentre l’anno prima l’utile era stato di 1,516 miliardi. Male anche tutte le altre società con Shell e Total che hanno avuto rispettivamente un crollo pari a 18,1 miliardi e 8,4 miliardi di dollari nel secondo trimestre. E il futuro non si preannuncia roseo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le strategie anti-crisi

Un momento non semplice per il settore del petrolio con le singole società che stanno cercando di mettere in atto delle strategie per superare questa crisi. In Italia i fari sono puntati naturalmente su Eni, pronta a fare una revisione delle attività per il 2020 e il 2020 con l’obiettivo di “mantenere una struttura patrimoniale solida in vista di uno scenario dei prezzi depresso e instabile“.

Secondo quanto precisato dal Corriere della Sera, l’azienda in futuro potrebbe reinvestire sul green nonostante il calo complessivo delle risorse. “La manovra di investimenti – precisano dall’Eni – nel quadriennio 2020-2023 dovrebbe attestarsi intorno a 27 miliardi, una cifra inferiore di 4,7 miliardi rispetto a quanto stabilito in precedenza“.

Eni
fonte foto https://www.facebook.com/enigaseluce/

Snam in positivo

L’unica a registrare un andamento positivo è stata Snam. La società del gas ha chiuso in positivo il primo semestre con una crescita del 3,3%, in linea con quanto registrato nel 2019.

In questi mesi – ha ammesso l’amministratore delegato Alverà – non ci siamo mai fermati. Abbiamo garantito il nostro servizio essenziale di sicurezza energetica, aumentando gli investimenti e ponendo le basi per una veloce ripartenza“. Una strategia premiata con i risultati e la multinazionale proseguirà il suo lavoro anche nei prossimi mesi per cercare di continuare il percorso intrapreso in piena pandemia.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/enigaseluce/

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-07-2020


Crolla il Pil Usa: -32,9 per cento. Borse in rosso

Intesa-Ubi, i numeri: nasce settimo gruppo europeo. Nel 2022 si punta a un utile di 5 miliardi