Un palazzo di otto piano è crollato a Istanbul, nel quartiere di Cevizli. I soccorritori al lavoro per tirare fuori le persone dalle macerie.

ISTANBUL (TURCHIA) – Attimi di paura e di tensione ad Istanbul per il crollo di un palazzo di otto piani. L’incidente è avvenuto nel quartiere Cevizli con l’edificio che ha ceduto nel pomeriggio di mercoledì 6 febbraio 2019. Secondo quanto riportato dai media locali il bilancio provvisorio è di 11 morti e diversi feriti ma i soccorritori sono al lavoro per cercare di estrarre le persone intrappolate sotto le macerie.

La struttura aveva 12 appartamenti e testimoni hanno raccontato di aver visto alcuni residenti all’interno del palazzo poco prima del crollo. Proprio per questo si scava con la speranza di salvare più vite possibili. Le prossime ore sono decisive con i soccorritori che non si fermeranno nemmeno un minuto.

Crolla un palazzo ad Istanbul, ancora ignote le cause dell’incidente

Subito dopo aver completato le operazioni di salvataggio, la polizia e i vigili del fuoco si metteranno al lavoro per cercare di capire i motivi che hanno portato a questo crollo. Al momento non è esclusa nessuna possibilità e bisognerà aspettare degli accertamenti più approfonditi per arrivare alla conclusione di un caso che poteva avere un bilancio sicuramente più grave.

L’incidente è avvenuto nelle prime ore del pomeriggio di un giorno lavorativo. Proprio questo è uno dei motivi che ha evitato una strage con numeri molto più ampi di quelli che sono stati dati dai media locali. Molti residenti si trovavano a lavoro e quindi sono riusciti a salvarsi dal crollo del palazzo. La zona è stata isolata e sono in corso tutte le operazioni per salvare più vite possibili e accertare le cause che hanno portato a questo grave incidente nella città di Istanbul, capitale della Turchia.

fonte foto copertina https://twitter.com/MarianoGiustino

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri evidenza istanbul turchia

ultimo aggiornamento: 06-02-2019


Venezuela, Juan Guaidò scrive a Salvini e Di Maio

Brexit, scontro UE-Londra. Tusk: un posto all’inferno per i promotori