Crosetto scatta l'ansia, avvisa: "La sicurezza non è gratis"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Crosetto scatta l’ansia, avvisa: “La sicurezza non è gratis”

Guido Crosetto

L’attentato a Mosca rivela l’alta tensione geopolitica e il persistente pericolo dell’ISIS, Crosetto da alcune risposte all’attacco.

In un recente sviluppo che ha scosso il panorama internazionale, il Ministro Crosetto ha rivelato, in un’intervista concessa a Il Messaggero, come la Russia fosse stata preavvisata riguardo al pericolo di un imminente attentato da parte dell’ISIS, evidenziando un rischio reale e presente non solo nel territorio russo ma anche a livello globale. La questione solleva interrogativi sulle dinamiche geopolitiche attuali, soprattutto in relazione al coinvolgimento dell’Ucraina nell’accaduto, un elemento che il ministro ha prontamente escluso.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Guido Crosetto
Guido Crosetto

Un avvertimento ignorato

Queste alcune delle parole più importanti del ministro Crosetto a ilmessaggero.it: “Smettiamo di raccontarci che la spesa militare è alternativa ai fondi per gli asili. La sicurezza collettiva di una nazione, interna ed esterna, è il vero presupposto al diritto alla sanità, all’educazione, a una casa. – Conclude il ministroMa la sicurezza non è gratis: dobbiamo fare la nostra parte. Se Trump sarà eletto in America, a novembre, sarà il primo a ricordarcelo.

La minaccia dell’ISIS, secondo Crosetto, rimane elevata, e l’attacco a Mosca ne è una prova concreta. L’attentato non solo ha messo in luce la vulnerabilità della Russia di fronte a queste minacce ma ha anche sottolineato l’importanza per l’Europa di rimanere vigile e preparata. “Non possiamo abbassare la guardia,” ha dichiarato il ministro nel corso dell’intervista a Il Messaggero, riferendosi al pericolo costante rappresentato dall’ISIS e da altre organizzazioni terroristiche.

Tre settimane prima dell’attacco, la Russia aveva condotto un’operazione contro l’ISIS, ricevendo successivamente dagli Stati Uniti l’avvertimento che la minaccia non era stata completamente neutralizzata. Questo dettaglio, come riportato da Il Messaggero, sottolinea la complessità della lotta al terrorismo e la difficoltà di sradicare completamente queste cellule.

L’Ucraina fuori dall’attacco

Nonostante le speculazioni, Crosetto ha chiarito che non esistono legami tra l’Ucraina e l’ISIS. Questa precisazione è cruciale, soprattutto in un periodo in cui le tensioni tra Russia e Ucraina sono altissime. “Aiutare l’ISIS sarebbe stato un suicidio per l’Ucraina,” ha affermato, ribadendo l’impossibilità di un coinvolgimento ucraino nell’attacco, come riportato da Il Messaggero.

Il ministro ha espresso preoccupazione per la reazione internazionale e la necessità di una tregua, non solo in Ucraina ma anche in altri teatri di conflitto come Gaza. La ricerca di una pace duratura e la prevenzione di ulteriori escalation restano prioritari nell’agenda internazionale, con un appello alla Russia affinché cessi le ostilità e si impegni in un dialogo costruttivo per la risoluzione del conflitto, sottolinea l’intervista a Il Messaggero.

L’attentato a Mosca rappresenta non solo un tragico promemoria della persistente minaccia terroristica globale, ma anche un punto di riflessione sull’importanza della cooperazione internazionale e della chiarezza nelle posizioni geopolitiche, soprattutto in relazione al conflitto in Ucraina. L’analisi di Crosetto, come riportato da Il Messaggero, pone l’accento sull’urgenza di una strategia condivisa per contrastare il terrorismo e sul ruolo cruciale dell’informazione e della prevenzione in questo complesso scenario.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2024 11:14

Elly Schlein scatena la rivolta delle ‘quote rosa’ nel PD: “Poco rispettoso”

nl pixel